Alimenti & Salute

Home -> Notizie

Notizie

In questa sezione sono pubblicate le notizie reperite in rete sulle tematiche correlate agli alimenti e alla salute

FAO: rafforzare i controlli di fronte ai nuovi focolai di influenza aviaria in Cina

Un'epidemia risorgente da un nuovo ceppo d'influenza aviaria, che può essere letale per gli esseri umani, sottolinea la necessità di sistemi di rilevazione e di risposta robusti e rapidi alla fonte animale. I casi umani di virus H7N9, rilevati per la prima volta in Cina quattro anni fa, sono improvvisamente aumentati dal dicembre 2016. Ad inizio marzo si stima che siano stati segnalati più casi umani d'influenza A (H7N9) rispetto a tutti quelli causati da altri tipi di virus d'influenza aviaria (H5N1, H5N6, ecc.) messi insieme.

Fonte

Approvato schema di decreto per l'obbligo di indicazione dello stabilimento in etichetta

Il Consiglio dei Ministri ha approvato lo schema di decreto attuativo che reintroduce l'obbligo di indicare lo stabilimento di produzione o confezionamento in etichetta. Tale obbligo era già sancito dalla legge italiana, ma è stato abrogato in seguito al riordino della normativa europea in materia di etichettatura alimentare. L'Italia ha stabilito la sua reintroduzione al fine di garantire, oltre che una corretta e completa informazione al consumatore, una migliore e immediata rintracciabilità degli alimenti da parte degli organi di controllo e, di conseguenza, una più efficace tutela della salute.

Fonte

Morie di vongole e ostriche. Il rapporto tra patogeni, ambiente e tecniche di allevamento

Una ricerca dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie ha indagato l’influenza di agenti patogeni nella mortalità di vongole e ostriche in relazione a diversi ambienti e a diverse tecniche di allevamento e raccolta, analizzando i dati ricavati da campionamenti disposti per la ricerca e integrandoli con i risultati di altri studi e monitoraggi.

Fonte

Influenza aviaria: scoperta la 'chiave' che fa adattare il virus all'uomo

Scoperta la chiave che permette al virus dell'influenza aviaria di fare il cosiddetto 'salto di specie', diventando in questo modo pericolosa per l'uomo: è un frammento di Rna, la molecola 'braccio destro' del Dna, indiviato nel virus del tipo A H7N9, responsabile di avere provocato infezioni nell'uomo nel 2013. La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature Communications, fornisce così un nuovo e importantissimo obiettivo ai programmi di sorveglianza dei virus dell'influenza aviaria in circolazione del mondo.

Fonte

EFSA: una via nuova per la valutazione dei pesticidi

Una delle questioni più dibattute nella valutazione del rischio chimico è: può l'esposizione a sostanze chimiche come i pesticidi causare malattie nell’uomo? Ad oggi gli scienziati, per valutarne la sicurezza, si basano su prove sperimentali di tossicità, ad esempio studi su animali o su cellule. Un nuovo approccio proposto dall'EFSA ci aiuterà a far progredire la nostra comprensione usando al meglio gli studi epidemiologici sulla salute umana.

Fonte

Pubblicata la disciplina sanzionatoria per le violazioni inerenti i materiali a contatto con gli alimenti ( MOCA)

Tale Decreto introduce per la prima volta specifiche sanzioni per gli obblighi stabiliti dai regolamenti comunitari in materia di MOCA, prevedendo sanzioni che vanno da un minimo di 1.500 euro fino a valori di 60.000 euro (es. sanzione massima per mancato rispetto degli obblighi di rintracciabilità stabiliti all'art. 17 dei reg.CE 1935/2004) oppure 80.000 euro ("produrre, immettere sul mercato oppure utilizzare materiali od oggetti che trasferiscono ai prodotti alimentari componenti in quantità da costituire un pericolo per la salute umana").

Fonte

Focus sui dolcificanti

Gli zuccheri (fruttosio, saccarosio, lattosio per citare i più comuni) sono presenti naturalmente in quantità importanti nel miele, in molti alimenti di origine vegetale (frutta, canna, barbabietola) e anche nel latte. Per continuare ad alimentarsi con “dolcezza” ci vengono in aiuto i dolcificanti che sono stati valutati positivamente dall’EFSA e che sono stati registrati dalla Legislazione della UE come additivi alimentari. Utilizzando i dolcificanti è quindi possibile eliminare gli zuccheri dalla dieta con la prospettiva di ridurre l’obesità e le malattie metaboliche correlate. Non tutti concordano con la reale efficacia dei dolcificanti per combattere l’obesità.

Fonte

Archivio notizie

Cerca per categoria



Questa pagina ti è stata utile?

SiAbbastanzaPocoNo

Perchè?