Alimenti & Salute

Home -> Notizie -> Ricerca

Notizie

In questa sezione sono pubblicate le notizie reperite in rete sulle tematiche correlate agli alimenti e alla salute

Ricerca Notizia Per Categoria


Zucchero, Italia contro Oms Lorenzin: «Sbagliato dimezzarlo»

L’Organizzazione mondiale della sanità propone la riduzione dal 10 al 5% delle calorie Il ministro: «I nostri prodotti aggrediti senza nessuna base scientifica seria»

Fonte

Consumeeting, la metamorfosi del consumatore: è nato il prosumer

C’è la crisi? Il consumatore non si abbatte, anzi si trasforma: rispetto al 2006 oggi assistiamo ad una vera metamorfosi del consumatore che non si limita a tagliare le spese, ma compie scelte ben precise. E’ il quadro che emerge dalla ricerca Ipsos presentata oggi da Nando Pagnoncelli a Consumeeting, l’evento organizzato da Consumers’ Forum.

Fonte

Il ruolo della nutrizione per l’healthy and active ageing

Questo progetto pilota mira ad aumentare di due anni la vita media in buona salute degli europei entro il 2020. A tal fine si propone di: migliorare la salute e la qualità della vita (in particolare delle persone anziane), garantire la sostenibilità ed efficienza dei sistemi sanitari ed assistenziali nel lungo periodo, migliorare la competitività del comparto europeo con attività economiche e un'espansione ai nuovi mercati.

Fonte Fonte

Ma la dieta mediterranea... fa ingrassare o dimagrire i bambini?

Otto paesi europei passati al setaccio, circa l’alimentazione infantile: e il dato, a dire il vero da salutare con favore, è che la dieta mediterranea è associata ad un minore probabilità di essere sovrappeso o obeso e ad una minore percentuale di grasso corporeo nei bambini.

Fonte

La sorveglianza Passi: sovrappeso e obesità

Dai dati 2010-13 emerge che 2 adulti su 5 sono in eccesso ponderale e che il 48% degli intervistati consuma tre o più porzioni al giorno di frutta e verdura.

Fonte Fonte

La sorveglianza Passi: percezione del rischio alimentare in Emilia Romagna

Nella nostra Regione meno di un terzo delle persone intervistate si dichiara preoccupato per i rischi di salute correlati agli alimenti. In particolare dimostrano una maggiore sensibilità le donne (che considerano anche di più l’aspetto nutrizionale), i 35-49enni, le persone con titolo studio alto e cittadinanza italiana. Preoccupa maggiormente la presenza nei cibi di sostanze chimiche aggiunte come conservanti/coloranti e pesticidi.

Fonte

“Profili nutrizionali”, i ministri UE della Salute spingono la Commissione

E’ un buco della normativa: e ha consentito che per tanti anni il marketing selvaggio delle aziende su aspetti di salute e nutrizione continuasse. Proprio per questo la Commissione, all’articolo 4 del regolamento 1924/2006, aveva pensato bene di introdurre i profili nutrizionali, ovvero i criteri per decidere l’esclusione di informazioni positive sulla salute (claim).

Fonte

Frutta e verdura a scuola, arrivano 29 milioni di euro dalla Commissione europea

All'Italia la fetta maggiore del contributo globale europeo di 150 milioni di euro: inizialmente dovevano essere 16,7 milioni. L'obiettivo è rilanciare il consumo tra i bambini di frutta e verdura, fresca e trasformata, di banane e altri prodotti come succhi e spremute, per contribuire alla lotta contro l'obesità infantile e migliorare le loro abitudini alimentari. In Europa al progetto partecipano tutti tranne Regno Unito, Svezia e Finlandia.

Fonte

Tesco rimuove caramelle e dolcetti dalle casse

E’ ufficiale: Tesco, il leader della GDO inglese, e gigante internazionale del retail, con un turnover annuo pari a solo nel Regno Unito e ha optato per eliminare dolci, caramelle e prodotti snack atti a facilitare l’acquisto d’impulso alle casse, anche dei bambini (sono posti infatti ad altezza facilmente raggiungibile anche dai più piccoli). L’acquisto d’impulso rimane infatti uno dei principali fattori che facilitano il consumo di junk food.

Fonte

Anche in Italia si mangiavano insetti, da bombi a cavallette

Anche in Italia fino a non molto tempo fa si mangiavano insetti, e sarebbe il momento di riprendere questa pratica per un utilizzo più appropriato delle risorse. Lo afferma Maurizio Paoletti dell'università di Padova, che sarà uno dei relatori alla prima conferenza internazionale sul tema che si apre a Wageningen, in Olanda, il prossimo 14 maggio.

Fonte

Emilia Romagna: un anno contro lo spreco alimentare

Approda a Strasburgo, il 16 aprile, al Parlamento europeo riunito in seduta plenaria, la campagna “Un anno contro lo spreco” 2014, presentata a Bologna in questi giorni,

Fonte

Agenzie ONU a Roma annunciano obiettivi per sicurezza alimentare ( food security ) e nutrizione

L'Organizzazione per l'Alimentazione e la Agricoltura (FAO), il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) e il Programma Alimentare Mondiale (WFP) hanno reso noti, oggi, i risultati del comune lavoro sugli obiettivi e sugli indicatori per un nuovo sistema di sviluppo globale per l'agricoltura sostenibile, la sicurezza alimentare e la nutrizione.

Fonte

Obesità infantile: l’Action Plan europeo 2014-2020

Nell’Unione Europea sono ancora troppe le persone in eccesso ponderale. Nonostante l’attenzione rivolta alla promozione degli stili di vita salutari e alla lotta al sovrappeso, la proporzione di persone in eccesso ponderale rimane elevata e circa il 7% della spesa sanitaria europea è impiegata nella cura di patologie connesse all’obesità come il diabete, l’ipertensione arteriosa, le patologie cardiovascolari, ecc.

Fonte

AUSL di Modena, OKKIO alla salute: rìsultati dell'indagine 2012 su sovrappeso e obesità nei bambini

Dai dati del 2012 emerge che nella Ausl di Modena complessivamente il 29% dei bambini presenta un eccesso ponderale, con valori di sovrappeso e obesità inferiori al dato internazionale di riferimento. Il 64% dei bambini intervistati fa una colazione qualitativamente adeguata ma si conferma la diffusione fra i bambini di abitudini predisponenti all’aumento di peso.

Fonte

Patatine: le più a rischio? Quelle della mamma

C’è una sostanza nociva che si forma nelle patate con le alte temperature, l’acrilammide, potenzialmente cancerogena. L’abbiamo cercata nelle chips in busta e in quelle preparate nei ristoranti. Ma il pericolo è maggiore nelle patate cotte a casa.

Fonte

Prima colazione: interazioni tra alimenti, integratori e farmaci

La prima colazione è spesso l’occasione migliore per assumere integratori alimentari e, per chi ne ha bisogno, farmaci. Infatti si trova in una condizione di digiuno da diverse ore e lo stomaco è vuoto, per cui alcuni principi attivi e/o micronutrienti possono essere più facilmente assorbiti. Vediamo nel dettaglio di quali si tratta.

Fonte

Strategie europea contro obesità infantile: un piano al 2020

Una vera e propria dichiarazione di guerra all’obesità e sovrappeso infantili: questo il programma “manifesto” dell’Unione. Che con l’”Eu Action Plan on Childhood Obesity 2014-2020” cerca uno scatto Nella giusta direzione. Perché l’obiettivo, è quello di “fermare la crescita del sovrappeso e obesità tra le persone giovani(fino a 18 anni) entro il 2020.

Fonte

Integratori e multivitaminici. Studio Usa: "Non ci sono prove sul loro effetto preventivo contro cancro e ipertensione"

Secondo i ricercatori non ci sono prove sufficienti. Anzi, il beta-carotene aumenterebbe l’incidenza del cancro al polmone in alcuni soggetti. Ad illustrarlo l’analisi della United States Preventive Services Task Force, Organismo ufficiale statunitense. Per la prevenzione di queste malattie ribadite le misure standard: smettere di fumare, buona alimentazione e screening.

Fonte

Usa: in calo l'obesità infantile

Scende per la prima volta il numero degli obesi tra i bambini americani di famiglie a basso reddito. La "rivoluzione" è stata registrata in 19 Stati dai Centers for Disease Control and Prevention, che hanno analizzato altezza e peso di quasi 12 milioni di bambini tra 2 e 4 anni in 40 Stati. «Per la prima volta stiamo assistendo a una diminuzione significativa dell'obesità infantile» spiega l'autore del report, Thomas Frieden, direttore dei Cdc.

Fonte

Cancro alla prostata. Troppo selenio insieme a vitamina 'E' ne aumentano il rischio

Troppo selenio insieme a vitamina 'E' ne aumentano il rischio In uomini con determinati livelli di selenio di base, questi integratori, ad alte dosi, aumentano in maniera statisticamente significativa il rischio di tumore alla prostata. Il risultato su Journal of the National Cancer Institute si fonda su un campione di alcune migliaia di uomini

Fonte

Dalla Ue nuova iniziativa per rafforzare il consumo di frutta e latte nelle scuole

La Commissione europea ha recentemente pubblicato una proposta per riunire in un unico contesto i programmi “Frutta nelle scuole” e “Latte nelle scuole”. Visto L'obiettivo è affrontare con maggior vigore il problema della cattiva alimentazione e contribuire alla lotta contro l’obesità.

Fonte

Reggio Emilia, all'asilo si festeggia senza torte, ma è festa lo stesso con la frutta

Le linee guida dell’Emilia Romagna per l’offerta di alimenti e bevande salutari nella scuola parlano chiaro: nelle scuole d’infanzia della Regione si può fare merenda con una fetta di torta soltanto una volta al mese, non di più. Che fare? I dolci si fanno con la frutta e tutti sono contenti.

Fonte

Più salute con meno sale nel pane

Troppo sale fa male alla salute e ogni giorno, senza pensarci, mangiando ne assumiamo dosi superiori al normale fabbisogno. Cambiare le abitudini, si sa, è però molto difficile. Una soluzione può essere quella di ridurre il contenuto di sale negli alimenti, all'atto della produzione, senza modificarne il sapore e altre caratteristiche. La campagna regionale “Pane meno sale. Più salute con meno sale” che sta partendo in queste settimane in Emilia-Romagna ha proprio l'obiettivo di ridurre il sale nel pane, grazie a un accordo con produttori e panificatori.

Fonte

Bimbi italiani mangiano male, saltano colazione, tv accesa a tavola

Peggiorano le abitudini alimentari dei ragazzi italiani. Nonostante 2 genitori su 3 (64%) dichiarino di conoscere le regole alimentari di base, sembrano consolidarsi delle tendenze poco sane come non mangiare la frutta e verdura, saltare la colazione, concentrare i pasti piuttosto che fare i 5 consigliati al giorno, o mangiare con la tv accesa. E' la fotografia scattata dalla ricerca 'Lo stile di vita dei bambini e dei ragazzi', realizzata da Ipsos per Save the Children e Mondelez, presentata oggi a Roma in occasione dei 3 anni di attività di 'Pronti, Partenza, Via!', progetto promosso nelle aree periferiche di 10 città italiane, per favorire la pratica motoria e sportiva e l'educazione alimentare dei bambini.

Fonte

Medici Gb, zucchero è nuovo tabacco

Lo zucchero è il nuovo tabacco. Ne è convinto un gruppo di medici e ricercatori britannici che hanno lanciato la campagna Action on Sugar che chiede all'industria alimentare di ridurre del 30% la quantità di zucchero nei prodotti.

Fonte

Gli energy drink mischiati agli alcolici danneggiano la salute dei giovani

I giovani che consumano energy drink hanno anche una probabilita' maggiore di bere alcolici e di mixare le due bevande in una stessa sera, una pratica che puo' portare a danni gravi alla salute. E' quanto emerge da un'indagine dell'universita' del Michigan pubblicata dal Journal of Adolescent Health.

Fonte

«Semafori» sugli alimenti, l’Italia annuncia battaglia contro Londra

Il governo inglese ha introdotto dei codici sulle etichette per classificare gli alimenti come più o meno salutari.

Fonte

Etichettatura dei prodotti vegetariani e vegani

L'eurodeputato Andrea Zanoni presenta a Bruxelles una proposta relativa a un atto dell'Unione che preveda l'etichettatura volontaria dei prodotti alimentari vegetariani o vegani. “Sono sempre di più gli europeri che, come me, scelgono di non mangiare carne o addirittura nessun prodotto di origine animale. È giusto garantire loro la certezza di non ritrovarsi nel piatto brutte sorprese”.

Fonte

Arrivano le cavallette e le formiche al supermercato: in Francia Carrefour e Auchan vendono dolci e cioccolatini guarniti con insetti

Dopo alcuni ristoranti di grido gli insetti approdano anche nei supermercati. In un punto vendita Auchan vicino a Montpellier si possono acquistare snack salati a base di cavallette e crema di cipolle, oppure vermi insaporiti con la soia e anche larve del bambù al curry. Di fronte a queste specialità gastronomiche le reazioni dei cittadini europei si dividono solitamente in profondo disgusto o curiosità. Eppure l’iniziativa della catena francese è stata un successo, tanto da portare anche Carrefour a introdurre questi prodotti nell’offerta alimentare natalizia.

Fonte

Definire con precisione la connessione tra dieta e demenza

Il morbo di Alzheimer è una malattia degenerativa che colpisce tra il 50 e il 70 per cento di tutti i malati di demenza. Dato che i neuroni vengono uccisi lentamente ma gradualmente, i malati subiscono perdita della memoria e disorientamento, che peggiorano con il passare del tempo. Un progetto di ricerca europeo sta compiendo progressi nel determinare in che modo ridurre l'incidenza della malattia, concentrando l'attenzione sulla dieta.

Fonte

Pomodoro, olio, cipolla e aglio: un mix salvacuore

Uno studio pubblicato su Food Chemistry condotto da ricercatori dell'Università di Barcellona ha posto l'attenzione sugli effetti che il sugo di pomodoro classico, fatto con olio extravergine d'oliva e cipolla oppure aglio, può produrre sull'apparato cardiovascolare. Circa 40 sostanze antiossidanti che proteggono il cuore dallo stress ossidativo e quindi dall'invecchiamento.

Fonte

I polifenoli migliorano l’aspettativa di vita

Coloro che assumono nella propria dieta più polifenoli vivono più a lungo e vedono ridotto del 30% il rischio di mortalità. E’ questo il risultato di uno studio recentemente pubblicato sul Journal of Nutrition. I polifenoli sono sostanze naturali note per la loro azione positiva sulla salute umana che si trovano in abbondanza soprattutto nella frutta (l’uva in particolare ne è molto ricca) e nella verdura fresca.

Fonte

L’assunzione di fitosteroli con la dieta ridurrebbe il rischio di infarto cardiaco negli uomini, ma non nelle donne

È noto che gli steroli vegetali, assunti ad alte dosi (1-2 g/die, ad esempio attraverso bevande a base di latte fermentato), sono in grado di ridurre in modo significativo lo spessore della parete carotidea (indice ben noto di aterosclerosi) e la colesterolemia LDL, che a sua volta è correlata con il rischio di infarto miocardico (IMA, infarto miocardico acuto). Meno nota è la relazione tra il consumo di steroli vegetali naturalmente presenti negli alimenti, che mediamente in Europa non supera i 200-300 mg giornalieri, e il rischio coronarico.

Fonte

Aumentano disturbi alimentari fra teenager maschi

I disturbi alimentari fra i ragazzi sono più comuni di quanto ci si aspetti, mentre il fenomeno si pensa erroneamente confinato solo alle ragazze. I maschi estremamente preoccupati per il proprio peso e fisico sono invece il 17,9%. Anoressia, bulimia, fissazione per i muscoli sono in aumento, così come il consumo di sostanze pericolose come integratori, ormoni della crescita e steroidi, diete ferree e depressione.

Fonte

Il consumo di caffè associato alla riduzionedel rischio di cancro al fegato

Secondo uno studio italiano, pubblicato sulla rivista Clinical Gastroenterology and Hepatology, bere 3 tazze di caffe’ al giorno puo’ ridurre fino al 40% il rischio di carcinoma epatocellulare, il più comune tipo di cancro al fegato.

Fonte

"Mangiar sano dà più slancio alla vita": campagna promossa dalla Regione Emilia Romagna

"Mangiar sano dà più slancio alla vita” è il messaggio della campagna promossa dalla Regione Emilia-Romagna nelle scuole secondarie di primo e secondo grado per informare ragazze e ragazzi sull’importanza dell’alimentazione per la propria salute e per favorire in loro una maggiore consapevolezza su questo tema. A partire dalle scelte dei prodotti alimentari al bar o nei distributori automatici.

Fonte

Semafori in etichetta: la Commissione risponde all’Italia

Dopo la notifica del Dipartimento della Salute inglese dello scorso 19 giugno, lo schema “ibrido” di informazione nutrizionale ai consumatori “Traffic Light” (“SEMAFORO”) è diventato qualcosa di più che un semplice schema volontario. Con l’avvallo infatti delle autorità preposte alla salute pubblica, e con una reale armonizzazione commerciale, la nuova etichetta è diventata presto un benchmark in grado di orientare il dibattito in Europa.

Fonte

I paesi nordici pubblicano le nuove raccomandazioni nutrizionali

Dal 1980 ogni 8 anni i paesi nordici ridefiniscono le raccomandazioni nutrizionali. L’ultima revisione risale al 2004 e, come sempre i governi di questi paesi si caratterizzano per l’adozione di una forte linea di sostegno a favore delle linee guida rivisitate.

Fonte

Col cibo spazzatura la salute mentale dei bambini è a rischio

Il ruolo dell’alimentazione durante la gravidanza e nei primi anni di vita del bambino è critico per un corretto sviluppo. Questo si sapeva. Ciò che non si era ancora dimostrato è che un’alimentazione errata dal punto di vista nutrizionale in questi periodi, aumenta il rischio di problemi comportamentali e mentali nel bambino. A sostenerlo uno studio condotto presso la Deakin University in Australia.

Fonte

Arriva l'hamburger artificiale, ottenuto a partire da cellule staminali

La fantascienza ci ha abituati ad immaginare un futuro in cui la necessità di nutrirsi sarebbe stata soddisfatta assumendo qualche pillola contenente un concentrato di tutto ciò che serve all'organismo. La realtà sta però assumendo contorni differenti e oggi gli scienziati anziché proporre pasti in compresse stanno addirittura provando a ricreare i cibi in laboratorio. Il primo prodotto di questo tipo ad arrivare nel piatto dei consumatori potrebbe essere l'hamburger artificiale.

Fonte

Etichette con il semaforo, no del ministro Lorenzin

In una lettera inviata al Commissario europeo per la Salute, Tonio Borg, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha manifestato le proprie riserve sulla proposta del Regno Unito di etichettare gli alimenti con il cosiddetto sistema dei “semafori”, una gamma di colori (rosso, giallo e verde) che sarebbe usata per evidenziare i tenori di costituenti quali grassi saturi, zuccheri e sale.

Fonte

Regione Umbria: linee guida sui disturbi del comportamento alimentare

Presentate dalla Regione Umbria linee guida sui disturbi del comportamento alimentare. Il documento, suddiviso in 9 capitoli e 2 appendici, definisce in modo puntuale la classificazione dei disturbi e lo studio delle cause e dei meccanismi scatenanti, l’inquadramento diagnostico, i trattamenti terapeutici, i livelli di assistenza e i modelli organizzativi.

Fonte

Okkio alla Salute: obesità e sovrappeso nella scuola primaria in Emilia Romagna. Indagine 2012

Sono disponibili i risultati regionali dell’indagine 2012 “Okkio alla Salute”, la terza edizione dopo quella del 2008 e del 2010, che fornisce una fotografia dello stato ponderale, delle abitudini alimentari e dell’attività fisica nei bambini delle scuole primarie (6-10 anni). In estrema sintesi i dati 2012 hanno mostrato che obesità e sovrappeso in età pediatrica sono diffusi in maniera preoccupante anche in regione Emilia-Romagna. Circa un terzo dei bambini di 8-9 anni osservati (4.301 in totale) presenta un eccesso ponderale: in particolare 22% è in sovrappeso e 7% è obeso.

Fonte

Tasse su Junk food? In Ungheria funzionano

Il sistema di tassazione di alcuni alimenti “junk”, ha dato inizio ad uno dei più forti esperimenti politici mai avviati circa l’ambito food. primo risultato: circa 3 imprese su 10 hanno riformulato i propri prodotti, rimuovendo completamente gli ingredienti critici. Secondo risultato: il consumo di tali categorie di alimenti sarebbe diminuito in un solo anno di una cifra compresa tra il 25% ed il 35%

Fonte

Le famiglie italiane tagliano anche sulla spesa alimentare. Lo certifica l'Istat

L'austerity ha spinto gli italiani a rimodulare il paniere alimentare, favorendo l'acquisto di prodotti conservati e meno soggetti a sprechi, di surrogati più a buon mercato e di alimenti che grazie alla pressione competitiva garantiscono prezzi più convenienti.

Fonte

Allerta per dimagranti venduti in rete

Nuovo allarme sul fronte dei prodotti dimagranti: riguarda “Pure caffeine 200 mg” venduto su Internet come prodotto dimagrante. Tra i principi attivi c’è il DNP, sostanza fortemente tossica che può provocare intossicazioni anche letali. A lanciare l’allerta è stato qualche giorno fa il Ministero della Salute tedesco: in Germania il prodotto è venduto come medicinale ed è stato analizzato in laboratorio. In Italia il prodotto non è classificato né come farmaco né come integratore.

Fonte

Le abitudini alimentari degli italiani

Un'indagine di Andid (Associazione italiana dietisti) ha appena fotografato le abitudini alimentari degli italiani. Ecco i cibi che finiscono nei nostri piatti

Fonte

I prodotti forestali e gli insetti decisivi per la lotta contro la fame

Le foreste e i prodotti agroforestali sono fondamentali nella lotta contro la fame e dovrebbero essere meglio integrati nelle politiche per la sicurezza alimentare e di uso del suolo, ha dichiarato il Direttore Generale della FAO, José Graziano da Silva, intervenendo alla Conferenza internazionale su "Le foreste per la sicurezza alimentare e la nutrizione" che si è aperta il 13 maggio presso la FAO.

Fonte

Bambini e cibo, ecco i fattori che incidono maggiormente sulle scelte

In uno studio pubblicato sulla rivista Food Quality and Preference, i ricercatori hanno esaminato le preferenze di gusto di 1.705 bambini di età compresa tra i 6 e i 9 anni e di otto paesi europei (Italia, Estonia, Cipro, Belgio, Svezia, Germania, Ungheria e Spagna). Ai piccoli partecipanti è stato chiesto di esprimere la loro preferenza per i diversi livelli di zucchero nel succo di mela, e di grassi, sale e glutammato monosodico nei crackers. Gli scienziati hanno scoperto come siano principalmente le differenze di cultura e di età ad incidere fortemente sulle preferenze dei bambini per quanto riguarda i diversi livelli di grassi e di zuccheri contenuti negli alimenti.

Fonte

Come il cervello influenza i nostri comportamenti alimentari

Perché mangiamo troppo e consumiamo più calorie del necessario? Il cibo è un modo per auto-premiarci ed è possibile che lo stress ci faccia desiderare di mangiare di più? Sono solo alcune delle domande alle quali uno studio europeo sull'alimentazione vuole trovare una risposta. NEUROFAST ("Integrated Neurobiology of Food Intake, Addiction and Stress") è un progetto coordinato dall'Accademia Sahlgrenska presso l'Università di Göteborg, in Svezia. Ha inoltre riunito le competenze cliniche e sperimentali di 13 partner di sette paesi europei. L'obiettivo, con il sostegno di un finanziamento UE di 6 milioni di euro, è studiare la biologia del cervello nel contesto dei comportamenti alimentari, le dipendenze e lo stress.

Fonte

Mangiare gli insetti: curiosità gastronomica o necessità nutrizionale?

In Italia servirà del tempo per convincere la popolazione che inserire gli insetti nella dieta può essere importante. Da un lato c’è l’efficacia nutrizionale, comprovata da diversi lavori scientifici, dall’altro una maggiore sostenibilità ambientale, in un periodo in cui la terra è oltremodo sfruttata per l’allevamento e i mari sono sempre meno pescosi. Per ogni uomo, ci sono sul pianeta quaranta tonnellate di insetti già disponibili.

Fonte

Emilia Romagna: meno sale nel pane

Meno sale nel pane per combattere l’ipertensione arteriosa principale causa delle malattie cardiovascolari quali l’infarto e l’ictus.
E’ la proposta che arriva dalla Regione Emilia Romagna e dalle principali associazioni di panificatori regionali che recentemente a Bologna hanno firmato un accordo per la produzione di pane con un quantitativo di sale non superiore all’1,7% del peso della farina; l'accordo si inserisce nel progetto nazionale del Ministero della Salute “Guadagnare salute”.

  continua[...]

Fonte

Ue: presto la nuova normativa sull’alimentazione dei neonati

Nel dicembre scorso la commissione del Codex Alimentarius aveva deciso di rivedere la normativa per gli alimenti di proseguimento. Ora, la Commissione europea ha chiesto all’Efsa un nuovo parere approfondito riguardante la composizione degli alimenti per lattanti e di proseguimento, nonché per i cosiddetti “growing up” milks.

Fonte

Troppo sale sulla tavola degli italiani

Gli italiani consumano una quantità elevata di sale: con una media di 12 grammi al giorno per gli uomini e 9 per le donne (al Sud si registrano valori ancora più elevati), siamo ben oltre i valori raccomandati dall’OMS (meno di 5 grammi al giorno). E i soggetti ipertesi consumano solo un 1 grammo al giorno in meno ...

Fonte Fonte

Frutta gratis a scuola per oltre 8 milioni bambini europei

Via libera da Bruxelles a quasi 90 milioni di fondi Ue per garantire - anche per l'anno scolastico 2013-2014 - la distribuzione di frutta e verdura gratis nelle scuole europee: ogni anno sono oltre 8 milioni i bambini – più di un milione gli italiani – che tra i 6 e gli 11 anni beneficiano dell'iniziativa.

Fonte

Obesità fa rima con società: lo studio tra i bimbi scozzesi dal 1975 al 2006

Obesità in declino per i bambini nati negli anni ‘70, un periodo in cui l’altezza aumentava più del peso e ha permesso all’indice di massa corporea di decrescere notevolmente. Poi però c'è stata l'inversione: il peso aumentava per i bambini nati tra la fine degli anni ‘70 e il 1998. Dopo l’obesità è diminuità ma i valori percnetuali sono rimasti elevati c volte più elevata rispetto alla generazione precedente.

Troppi adolescenti bevono energy drink

Quasi sette adolescenti su dieci, il 68% in eta' 10-18 anni, consuma energy drink. Tra questi, circa il 12% sono bevitori ''cronici'', con un consumo medio di sette litri al mese, mentre il 12% risultano ''acuti'' consumatori. La Lituania vieta ai minori di 18 anni le bevande energetiche

Fonte Fonte Fonte

OKkio alla SALUTE: cala obesità infantile ma situazione ancora grave

Dal 2008 a oggi diminuiscono leggermente i bambini di 8-9 anni in sovrappeso e quelli obesi, ma l’Italia resta ai primi posti d’Europa per l’eccesso ponderale infantile. Sono ancora troppo frequenti tra i piccoli le abitudini alimentari scorrette, come pure i comportamenti sedentari, anche se aumentano, sia pur di poco, i bambini che fanno attività fisica.

Fonte

Okkio alla Salute: cala obesità infantile

Dal 2008 a oggi diminuiscono leggermente i bambini di 8-9 anni in sovrappeso e quelli obesi, ma l’Italia resta ai primi posti d’Europa per l’eccesso ponderale infantile. Sono ancora troppo frequenti tra i piccoli le abitudini alimentari scorrette, come pure i comportamenti sedentari, anche se aumentano, sia pur di poco, i bambini che fanno attività fisica.

Fonte Fonte Fonte

Indicazioni salutistiche, ancora in alto mare i “profili nutrizionali”

Nonostante siano da tempo già state approvate le indicazioni nutrizionali e salutistiche che è possibile utilizzare nella presentazione, promozione ed etichettatura degli alimenti, manca ancora uno degli aspetti centrali della normativa armonizzata europea: la presenza dei cosiddetti “profili nutrizionali”, ovvero quelle soglie tecniche di determinati nutrienti “critici” (come grassi saturi, zuccheri, sale) che non dovrebbero essere superate se si vuole utilizzare al contempo un vanto di nutrizione o salute.

Fonte

In America arriva la bistecca con gli omega3

Tra pochi giorni gli americani che vogliono aumentare l’apporto di acidi grassi omega3 nella dieta potranno contare su una fonte alternativa al pesce e ai supplementi: la carne di manzo GreatO Premium Ground Beef, ottenuta dalla NBO3 Technologies LLC in base ai risultati di studi durati anni e condotti dall’Università del Kansas di Buffalo. Non si tratta di carne derivante da animali transgenici, ma di carne che giunge da bovini nutriti con un’alimentazione specifica, a base di semi di lino, trattati poi con opportuni microrganismi al fine di mantenere gli acidi grassi integri.

Fonte

Regione Umbria: linee guida su disturbi comportamento alimentare

La giunta regionale ha elaborato linee guida per garantire un supporto tecnico e condiviso alle figure professionali che operano nella rete dei servizi umbri dedicati alla prevenzione e alla cura dei disturbi del comportamento alimentare.

Fonte

L'EFSA stabilisce il fabbisogno energetico giornaliero

L'Efsa ha stabilito quale deve essere il fabbisogno medio (ARs, average requirements) di energia per adulti, neonati e bambini e anche per donne in gravidanza e allattamento. Si tratta di stime che serviranno ad elaborare i programmi nutrizionali e le linee guida dietetiche.

Fonte Fonte

Cavoli e broccoli combattono la leucemia

Secondo i risultati di uno studio pubblicato dalla rivista internazionale PloSONe, le verdure crucifere sarebbero in grado di combattere una grave forma di leucemia che colpisce soprattutto giovani e bambini. I ricercatori del Baylor College of Medicine di Houston in Texas hanno rilevato come l’azione del sulforafano, un composto contenuto soprattutto in cavoli e broccoli, si sarebbe dimostrata efficace nel ridurre le cellule tumorali della leucemia linfoblastica acuta (LLA). Questa particolare forma di leucemia, pur avendo un tasso piuttosto elevato di guarigione (nell’80% dei pazienti colpiti), presenta comunque dei casi in cui il trattamento farmacologico non produce effetti.

Fonte

Zucchero pericoloso quanto alcol e fumo

Anche i pacchi di zucchero, come quelli di sigarette o gli alcolici, dovrebbero avere la scritta 'nuoce gravemente alla salute'. Lo affermano alcuni esperti dell'università di San Francisco in un articolo pubblicato dalla rivista Natur. Secondo i ricercatori i danni provocati da questo alimento sono simili a quelli dovuti all'alcolismo

Fonte Fonte

Frittura

Da uno studio dell'Università autonoma di Madrid emerge una notizia apparentemente controcorrente rispetto a un concetto ritenuto importante all'interno delle linee guida sulla corretta alimentazione: il consumo di cibi fritti in olio di oliva o di girasole non è associato all'infarto e alle malattie cardiovascolari.

Fonte

Inran: bevanda a base di succo di ribes nero, ananas e prugna riduce lo stress postprandiale

l’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione ha pubblicato un lavoro scientifico in cui si dimostra la capacità degli alimenti di origine vegetale (succo di frutta), di modulare la risposta infiammatoria dell’organismo indotta da un pasto ricco in grassi (il cosiddetto stress infiammatorio postprandiale).

Fonte

Snack al bar: i consumi calano se in etichetta c'è il semaforo

Come ridurre il consumo di cibi e bevande poco salutari venduti al bar? Al Massachusetts General Hospital di Boston ci sono riusciti con un'azione combinata. Hanno usato etichette colorate per distinguere i cibi e le bevande "sane" da quelli più ricchi di grassi e calorie.

Fonte

Studio europeo: le etichette nutrizionali sono meno efficaci di quanto si possa credere

Una ricerca condotta in Europa mostra che l'impatto delle etichette nutrizionali sulla salubrità delle scelte alimentari è ridotto perchè i consumatori sono troppo distratti. Il team di Flabel ha costruito un esperimento con un finto negozio di generi alimentari, dove i ricercatori hanno monitorato i movimenti degli occhi degli acquirenti mentre riempivano i carrelli. Sulla base delle informazioni raccolte, il team ha scoperto che l'attenzione media verso le etichette alimentari era compresa tra 25 e 100 millisecondi.

Fonte

Consumo di frutta e verdure in Europa: gli europei ne mangiano abbastanza?

La maggioranza dei cittadini europei associa una dieta salutare al consumo di frutta e verdura, e molti ritengono di seguire una dieta sana. Ma gli europei consumano veramente la quantità di frutta e verdura raccomandata? Una valutazione dell Eufic valuta più in profondità tutti i fattori che influenzano il consumo di frutta e verdura, e propone nuovi interventi per aumentare i consumi.

Fonte

Aggiornamento dei dati della composizione in nutrienti dei salumi italiani

Sono riportati i risultati dello studio effettuato dal L’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) ha divulgato i dati aggiornati sulla composizione dei salumi italiani. Il lavoro è stato realizzato con la Stazione Sperimentale Industria Conserve Alimentari (SSICA).

Fonte

Troppe proteine nel piatto degli europei

Gli europei mangiano troppe proteine e gli italiani non sono da meno, nonostante la tradizione mediterranea sia da sempre ricca di verdure e cereali. È quanto emerge da uno studio dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare, che ha definito i quantitativi di assunzione di riferimento per la popolazione (Pri), ossia la quantità di proteine necessarie nell'ambito di una corretta alimentazione.

Fonte

Dieta nordica e mediterranea a confronto

Uno studio danese rileva che le popolazioni nordiche abituate a seguire diete basate su prodotti locali tradizionali, come pesce, cavoli, pane di segale, avena, mele e pere, e ortaggi a radice, ottengono una riduzione della mortalità rispetto alle persone abituate a consumare cibi ricchi di zucchero, margarina, grassi, carni rosse e poca frutta e verdura.

Fonte

Cacao e colesterolo

Il consumo di cioccolata e, in genere, prodotti a base di cacao, ricchi di flavonoidi, può abbassare i livelli di colesterolo LDL e totale. L'effetto benefico pare essere particolarmente evidente in soggetti con un rischio di patologie cardiovascolari più elevato della norma. La revisione degli studi disponibili sul tema, effettuata dall'Eufic (Centro europeo di informazione sugli alimenti), evidenzia però che la maggior parte degli studi prendono in considerazione un consumo di cacao quotidiano non realistico a lungo termine.

Fonte

Le linee guida per una sana e sicura alimentazione a scuola

Migliorare la qualità e la sicurezza degli alimenti e delle bevande somministrati nelle scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado, riducendo la diffusione di alimenti e bevande non salutari e favorendo nel contempo un equilibrato apporto nutrizionale. Con questo obiettivo la Giunta ha adottato con una propria delibera le linee guida regionali sulle caratteristiche che devono avere gli alimenti e le bevande somministrati nelle scuole dell’Emilia-Romagna: in mensa, attraverso i distributori automatici o i servizi bar.

Fonte

Il fast food aumenta con gli spot in tv

Più la TV mostra pubblicità delle catene di fast food, più cresce l'obesità giovanile. E' la tesi di una ricerca del Children's Hospital (sezione Dipartimento di Pediatria), di Dartmouth, diretta dal dottor Auden McClure e presentata al recente convegno delle Pediatric Academic Societies (PAS) di Boston.

Fonte

Crescono disturbi alimentari, da Usa drunkoressia

Si complica il quadro dei disturbi alimentari con cui i medici si devono confrontare. Gli specialisti americani denunciano che i disordini sinora raccolti sotto l'acronimo Ednos (disturbi alimentari non specificati) sono in aumento. Se anoressia e bulimia sono ancora le malattie più temute, a far registrare sempre più adepti appaiono essere l'ortoressia, la drunkoressia, l'anoressia atletica e la pregoressia.

Fonte

“Niente mortadella nelle scuole” la finta notizia dilaga in rete e sui giornali

Il divieto di servire la mortadella nella scuole dell’Emilia Romagna ha scatenato la fantasia di molti giornalisti, che hanno dedicato ampio spazio a questo argomento. La notizia non è vera ma nel circo mediatico questo aspetto conta poco, tanto che la notizia è rimbalzata nelle cronache di alcuni quotidiani nazionali.   continua[...]

Spuntini frequenti per abbassare il rischio cardiovascolare

Una buona norma per non prendere eccessivamente peso è diluire il pasto in tanti piccoli spuntini: in questo modo il consumo calorico dovuto alla digestione a parità di alimenti consumati, limiterebbe il totale energetico immesso nell’organismo. Presentato a Roma presso la FAO uno studio della ricercatrice greca Theodora Psaltopoulou.

Fonte

Uno studio mostra come le mamme fumatrici influenzano il peso e le dimensioni del loro bambino

Da tempo i ricercatori sostengono che fumare costituisce un rischio per il neonato. Un nuovo studio condotto in Spagna fornisce le prove che i bambini nati da madri fumatrici pesano meno e sono più piccoli. Presentati sulla rivista Early Human Development.

Fonte

Distributori automatici nelle scuole: l'Emilia Romagna elimina il junk food

Basta con bibite e merendine ipercaloriche nei distributori automatici presenti nelle scuole dell’Emilia Romagna. Le nuove Linee guida della Regione varate qualche settimana fa, focalizzano l’attenzione sulle qualità nutrizionali degli alimenti venduti ai distributori automatici e nei bar interni alle scuole e fanno un elenco dei prodotti che non devono essere presenti.

Fonte

Revisione etichette su zuccheri aggiunti

Zuccheri aggiunti negli alimenti, secondo gli esperti e' necessaria una revisione delle etichette. E' quanto sostiene una ricerca dello Yale Rudd Center for Food Policy and Obesity pubblicata sull'American Journal of Publich health. Jennifer Pomeranz, direttore dell'ufficio affari legali del centro, sostiene che le regole di etichettatura della Food and Drug Administration (FDA) sono ormai obsolete e vanno rianalizzate secondo importanti sviluppi come le raccomandazioni su consumi limitati di zucchero.

Fonte

La Francia lancia un'allerta sugli energy drink

L'Anses (Agenzia francese per la sicurezza sanitaria e alimentare) ha redatto un dossier in cui ipotizza dei sospetti su due due morti collegate al consumo "anomalo" di bibite energetiche a base di caffeina e taurina. Gli elementi sono emersi attraverso il sistema di nutri-soveglianza messo a punto nel 2009 per raccogliere le segnalazioni dei consumatori sulle bibite e su altri prodotti come piante medicinali o esotiche presenti all'interno di alimenti arricchiti e integratori.

Fonte Fonte

Linee guida su probiotici

La Commissione Unica per la dietetica e la nutrizione ha pubblicato le nuove linee guida su "Indicazioni per l'uso in alimenti e integratori alimentari a base di microrganismi probiotici (batteri e / o lieviti)" utilizzati in molti prodotti alimentare per ottimizzare l'equilibrio della flora intestinale.

Fonte

Qualità nutrizionale dei cereali destinati ai bambini

Un report sui cereali firmato dallo Yale Rudd Center for Food Policy & Obesity ha preso in esame circa 300 prodotti (anche per adulti) di oltre 100 marchi commerciali e ha evidenziato le criticità ancora esistenti e i miglioramenti registrati negli ultimi anni.

Fonte Fonte Fonte

Ministero della Salute: decalogo alimentazione estate 2012

Rispettare il numero e l'orario dei pasti, fare un'abbondante colazione, mangiare piu' frutta e verdura e meno piatti elaborati e grassi. Sono alcuni dei consigli messi a punto dagli esperti del Ministero della Salute per una corretta 'dieta' durante il periodo estivo. Il decalogo sara' diffuso, attraverso gli studi dei medici di medicina generale e le farmacie, in 60 mila presidi.

Fonte Fonte

Insalata e olio di oliva ok per stare bene e in forma

E’ ormai sempre più diffusa l’abitudine di consumare un’insalata durante la pausa-pranzo, specialmente nella stagione estiva; il che, oltre a mantenere in buona salute aiuta anche a dimagrire, grazie all’azione delle sostanze antiossidanti che attivano il metabolismo e alle fibre che svolgono azione disintossicante, favoriscono la pulizia dell’intestino e aiutano ad assorbire meno grassi. Molti cultori dell’insalata a pranzo, però, tendono ad evitare il condimento, convinti che non faccia bene: niente di più sbagliato.

Fonte

Francia: on line il nuovo database nutrizionale

L’ANSES (Agence Nationale de Sécurité Sanitaire de l’Alimentation, de l’Environnement et du Travail) ha messo on line quello che in Francia viene considerato il database nutrizionale più completo e mai sviluppato fino ad ora. L’industria alimentare francese ha accolto favorevolmente questa novità che considera uno strumento importante per aiutare soprattutto le piccole e medie aziende a rispettare i requisiti in materia di etichettatura nutrizionale dopo l’entrata in vigore del nuovo regolamento europeo.

Fonte Fonte

Banca dati di composizione degli alimenti

In Italia la raccolta più aggiornata sulla composizione degli alimenti risale al 2008 ed è prodotta dall'Istituto Europeo di Oncologia che pubblica sul proprio sito la Banca Dati Alimentare per Studi Epidemiologici (BDA).La consultazione delle 935 schede è gratuita e per ogni prodotto sono riportati i valori dei vari componenti.

Fonte

Linee guida su probiotici

La Commissione Unica per la dietetica e la nutrizione ha pubblicato le nuove linee guida su "Indicazioni per l'uso in alimenti e integratori alimentari a base di microrganismi probiotici (batteri e / o lieviti), tradizionalmente usato per l'equilibrio della flora intestinale. Caratteristiche di microrganismi che possono essere utilizzati in alimenti e integratori alimentari (prodotti alimentari)"

Fonte

Proposto in Gran Bretagna il divieto di pubblicizzare il cibo spazzatura nei programmi televisivi fino alle 21

La dottoressa Hilary Cass, Presidente del Royal College of Paediatrics and Child Health, una associazione che in Inghilterra annovera circa 11.500 medici pediatri ha chiesto espressamente al governo britannico di vietare la pubblicità televisiva di cibo spazzatura nella fascia oraria fino alle 21.

Fonte

Lavorare con i turni: conseguenze sulla salute e sull’alimentazione

I moderni stili di vita, in particolare i lavori con i turni, hanno modificato molto i ritmi quotidiani della vita. Questi cambiamenti causano dei danni alla salute? Si possono prendere delle misure preventive per i datori di lavoro e per i lavoratori?

Fonte

Progetto della Regione Emilia Romagna per orientare i giovani al consumo consapevole

"Scegli con gusto e gusta in salute" è il progetto della Regione Emilia Romagna rivolto a ragazze e ragazzi degli istituti alberghieri per promuovere una sana alimentazione e il consumo consapevole di bevande alcoliche.

Fonte

OKkio alla Salute, i resoconti delle situazioni

Il sito Epicentro presenta una panorama del lavoro svolto dal progetto OKkio alla salute in Emilia Romagna e in altri centri come Modena e Ferrara.

Fonte

Profili nutrizionali, scambio EFSA e Parlamento Europeo

In attesa che vengano adottati i “profili nutrizionali”, ancora pendenti dal 2006, alcuni membri del Parlamento Europeo hanno avanzato diverse domande alla direttrice dell'Efsa in occasione di un’audizione al comitato ENVI.

Fonte

Patatine surgelate: così si riduce il rischio cancro

Uno studio pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry svela com'è possibile ridurre la quantità di acrilamide, sostanza potenzialmente cancerogena, presente nelle patatine fritte surgelate. Gli autori dello studio,hanno spiegato che questa molecola si forma a causa della riduzione degli zuccheri e dell'amminoacido asparagina durante la preparazione delle patatine, ma che la riduzione del rapporto fra il fruttosio e il glucosio presente nei bastoncini di patata già tagliati può abbassarne i livelli finali.

Fonte

Iniziata la produzione de “Il Verdiano” , formaggio a pasta dura con caglio vegetale

La scorsa settimana presso il Caseificio Pongennaro di Soragna, si è svolta la conferenza stampa organizzata dall’Ateneo di Parma per l’inizio della produzione de “Il Verdiano” formaggio a pasta dura con caglio vegetale. L’impiego del caglio di origine vegetale (estratto da funghi e/o erbe officinali) necessita infatti di accorgimenti cui sottoporre il latte per far sì che il medesimo sia idoneo alla natura del caglio vegetale e alla sua specifica e peculiare attività enzimatica. Tale mutamento ricopre infatti un ruolo essenziale nel quadro della produzione dei formaggi a pasta dura, perché pone all’attenzione degli operatori e degli esperti del settore una possibilità di differenziazione del prodotto da offrire sui vari mercati e tra essi in particolare quelli extra-Unione Europea.

Fonte

Obesity Day 2012

La politica sanitaria degli ultimi anni si è incentrata sulla prevenzione degli stili di vita scorretti e sull’idea che per promuovere scelte consapevoli è necessario avviare strategie a livello di popolazione e interventi locali. È in questo scenario che si inserisce l’Obesity Day (10 ottobre).

Fonte

Anche il Presidente Monti parla di spreco domestico e conferma il dato dell'8%

Il Presidente del consiglio Mario Monti in un incontro a Milano sostiene che lo spreco di cibo in Italia, nell'intera filiera agro-alimentare, è pari a 5,5 milioni di tonnellate all'anno, il 16 % dei consumi complessivi citando n una ricerca del Politecnico di Milano. Lo stesso studio quanto si parla di spreco domestico si indica il valore dell’ 8%, ben lontano dal 27% sostenuto da Andrea Segrè di Last minute market.

Fonte

Nestlé annuncia la riduzione degli zuccheri nei cereali

Afferma un comunicato di Nestlé che entro il 2015, i cereali, destinati in primo luogo a bambini e adolescenti, subiranno una riduzione di zuccheri anche fino al 30%. Anche la quantita' di sodio sara' ridotta. Sara' invece aumentata la proporzione di grano completo e calcio nelle nuove ricette.

Fonte Fonte

Nel Regno Unito arriva il semaforo sull'etichetta

L’Inghilterra ha deciso che dal prossimo anno sulle etichette dei prodotti alimentari ci dovrà essere un semaforo per consentire ai consumatori di fare scelte più consapevoli e rapide. Il dipartimento della salute del governo britannico, dopo aver discusso con i rappresentanti dei produttori e delle catene di supermercati, ha invitato la GDO, entro la prima metà del 2013, ad utilizzare i colori del semaforo per le indicazioni nutrizionali.

Fonte

Le iniziative locali di OKkio alla salute

In Italia, per supportare gli operatori di sanità pubblica nel monitoraggio dell’obesità e dei comportamenti a rischio tra i bambini di età scolare il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ccm) del ministero della Salute e le Regioni hanno affidato al Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute (Cnesps) dell’Iss il coordinamento del sistema di sorveglianza OKkio alla Salute. Epicenro propone un reipilogo e un bilancio delle iniziative locali.

Fonte

Alimentazione, il 70% è "non cibo"

Che i cibi del Salone internazionale del Gusto siano di ottima qualita' nessuno lo puo' discutere, ben diversa la natura di quelli che finiscono nei piatti tutti i giorni. Spesso e' un 'non-cibo', come e' stato chiamato da Slow Food per una seguitissima conferenza, che potenzialmente e' dannoso per il nostro organismo, specie se si verifica un accumulo. ''Ogni anno mangiamo 5 chili di additivi'', ha spiegato Libero Ciuffreda, oncologo dell'ospedale Molinette di Torino. Coloranti, conservanti, emulsionanti di ogni tipo, indicati in etichetta, ma di certo non troppo salutari. Ai primissimi posti per concentrazione di additivi sono state trovate caramelle gommose: ne avevano 14, su 25 ingredienti totali.

Fonte

MENO CALORIE NEI CIBI INDUSTRIALI IN EUROPA

La Confederazione delle Industrie alimentari dell'Unione europea (CIAA) ha raccolto in un dossier le iniziative intraprese nelle varie nazioni per ridurre il contenuto di grassi, zuccheri, calorie, sale e acidi trans dei prodotti alimentari. In Inghilterra secondo un documento della Food and Drink Federation (FDF) molte aziende alimentari hanno modificato la composizione dei prodotti e adottato le nuove etichette nutrizionali consigliate dalla Food Standard Agency(FSA). Anche in Spagna e in Francia si registrano iniziative simili. Qualche timido segnale si registra anche in Italia.
Sullo stesso tema è interessante leggere un resoconto sulla presentazione delle nuove prospettive di Nestl e nel food. La società dichiara di avere modificato 700 prodotti alimentari per venire incontro alle esigenze nutrizionali dei consumatori. C'è però chi sostiene trattarsi di un'operazione di eco-marketing.

Link
Link



LIBRO BIANCO UE SU ALIMENTI E OBESITA'

La Commissione Europea il 30 maggio ha adottato il "Libro bianco sulle strategie europee per i problemi di nutrizione, obesità e soprappeso". Il testo contiene alcune proposte per incentivare la corretta alimentazione e invita l'industria a ridurre i livelli di sale, calorie e grassi dei prodotti. Il documento non prevede invece limiti per la pubblicità dei prodotti alimentarti destinata ai giovani e auspica un'autoregolamentazione delle imprese.

Link



STATI UNITI COMMISSIONE SU ALIMENTI E OBESITA'

Negli Stati Uniti, la Federal Communications Commission ha istituito laTask Force on Media & Childhood Obesità, composta da organizzazioni di consumatori, rappresentanti dell'industria alimentare, dell'industria dei media e dei pubblicitari, nonch e da operatori sanitari e accademici. La Task Force ha l'obiettivo di studiare l'impatto che hanno i media nell'aumento dell'incidenza dell'obesità presso la popolazione americana, ricercando consenso sulle azioni di prevenzione che possono essere intraprese.

Link



EFSA E VITAMINA C

Il panel dell'EFSA ha notato che la biodisponibilità di vitamina C dall'ascorbato del calcio con un contenuto di threonate è paragonabile a quella di acido ascorbico. Il panel ha considerato il threonate un metabolita normale nel corpo e ritiene l'uso dell'ascorbato del calcio con threonate fino al 2% come fonte di vitamina C nell'alimento, non preoccupante per la sicurezza alimentare.

Link



LIBRO BIANCO UE SU ALIMENTI E OBESITA'

La Commissione Europea il 30 maggio ha adottato il "Libro bianco sulle strategie europee per i problemi di nutrizione, obesità e soprappeso". Il testo contiene alcune proposte per incentivare la corretta alimentazione e invita l'industria a ridurre i livelli di sale, calorie e grassi dei prodotti. Il documento non prevede invece limiti per la pubblicità dei prodotti alimentarti destinata ai giovani e auspica un'autoregolamentazione delle imprese.

Link



STATI UNITI COMMISSIONE SU ALIMENTI E OBESITA'

Negli Stati Uniti, la Federal Communications Commission ha istituito laTask Force on Media & Childhood Obesità, composta da organizzazioni di consumatori, rappresentanti dell'industria alimentare, dell'industria dei media e dei pubblicitari, nonch e da operatori sanitari e accademici. La Task Force ha l'obiettivo di studiare l'impatto che hanno i media nell'aumento dell'incidenza dell'obesità presso la popolazione americana, ricercando consenso sulle azioni di prevenzione che possono essere intraprese.

Link



EFSA E VITAMINA C

Il panel dell'EFSA ha notato che la biodisponibilità di vitamina C dall'ascorbato del calcio con un contenuto di threonate è paragonabile a quella di acido ascorbico. Il panel ha considerato il threonate un metabolita normale nel corpo e ritiene l'uso dell'ascorbato del calcio con threonate fino al 2% come fonte di vitamina C nell'alimento, non preoccupante per la sicurezza alimentare.

Link



Parte il progetto "Frutta snack" per 80 mila scolari di Bologna Bari e Roma con merendine di frutta e yogurt

Nelle scuole saranno presenti distributori automatici con frutta fresca, yogurt, confezioni e passate di frutta senza zucchero. Il costo va dai 70 centesimi a 1 euro e 50.L'obiettivo è contrastare le errate abitudini alimetnari dei ragazzi.

Link



GENOVA: LINEE GUIDA PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA

Sono state presentate, alla Fiera di Genova le Linee Guida per la valutazione qualitativa della Ristorazione Scolastica. E' questo il risutlato di un lavoro minuzioso che il comune di Genova porta avanti da anni .

Link



CONVEGNO EFSA SU SICUREZZA ALIMENTARE E NUTRIZIONE

A parma si terrà il 20 e 21 novembre "From safe food to healthy diets" un incontro internazionale organizzato dall'Efsa sui temi di attualità che riguardano la sicurezza alimentare e la valutazione del rischio . Sono previste 10 sessioni di lavoro.

Link



MENO CIBO SPAZZATURA NELLE SCUOLE AMERICANE

GLi studenti delle scuole USA stanno migliorando il tipo di alimentazione. E' quanto emerge dal rapporto School Health Policies and Programs Study (Shpps 2006), redatto ogni sei anni dalle autorità sanitarie per valutare l'efficacia dei programmi sanitari. Secondo il rapporto gli Stati che vietano la vendita di cibo spazzatura attraverso i distributori automatici sono aumentati dall'8% al 32%. La percentuale di scuole che vende acqua nei distributori o negli spacci è salita dal 30% al 46%. Quelle che hanno distributori automatici che propongono biscotti, dolcetti o altri prodotti da forno ricchi di grassi sono scese dal 38% al 25%. Le scuole che offrono patatine fritte nei menù sono diminuite dal 40% al 19%, mentre la presenza delle insalate è aumentata dal 53% al 73%.

Link
Link



CONVEGNO INRAN SU SICUREZZA ALIMENTARE A VITERBO

L'Università degli Studi della Tuscia in collaborazione con: Inran, Fao Nutrition and Consumer Protection Division, Bioversity International e Forum sulle Culture Alimentari Mediterranee, presenta lavvio delle attività del CIISCAM. Al progetto aderiscono anche le Università di Roma "La Sapienza", Parma, Calabria e Las Palmas de Gran Canaria. L'evento si terrà il 4 e 5 dicembre a Viterbo nell'incontro "Le nuove frontiere nel Mediterraneo per la sicurezza alimentare" .

Link
Link



TUTTI I DATI DELL'OBESITA' IN ITALIA

Il Ministero della salute ha diramato in un convegno che si è tenuto a Roma il 5 dicembre, i dati relativi al problema del sovrappeso nel nostro paese. La questione diventa sempre più grave e comporta gravi ripercussioni sulla salute. Secondo il documento l'incremento negli ultimi cinque anni delle persone in sovrappeso ha raggiunto il 9% .

Link
Link



INGANNEVOLE L'ETICHETTA DEL LATTE OMEGA 3 PARMALAT

Le diciture sulle confezioni del latte a lunga conservazione Omega 3 della Parmalat sono ingannevol. Il testo ,dopo una dotta disquisizione sulle proprietà degli acidi grassi Omega 3, lascia intendere che bere il latte fa bene all'apparato cicolatorio. Si tratta di bugie, perch e i pochi acidi grassi aggiunti al prodotto non comportano automaticamente benefici. La censura del messaggio è stata decisa dal'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in una recente sentenza. La Parmalat dovrà inoltre pagare una multa 23.500 ?. La sentenza si trova nel numero 39 del bollettino dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

Link



ADOLESCENTI E VERDURA UN RAPPORTO DIFFICILE

La Società Italiana di Pediatria ha condotto una ricerca su 1200 studenti delle scuole medie. I risultati destano qualche preoccupazione. Al Nord il 32% degli intervistati non mangia verdure oppure lo fa saltuariamente. Questa percentuale lievita sino al 41% nelle regioni del Sud. Per quanto riguarda la frutta il 56% dei giovani la mangia tutti i giorni, mentre il 17 dichiara di consumarla raramente.

Link



PROPOSTA FRANCESE CONTRO L'OBESITA' DEI RAGAZZI

In Francia sei associazioni di consumatori hanno redatto un manifesto per cercare di contrastare il problema dell'eccesso di peso riscontrato tra i ragazzi. Secondo recenti stime p il numero di giovani afflitti da obesità aumenta del 5,7% l'anno, e attualmente 1,5 milioni di bambini e adolescenti sono considerati in sovrappeso. Il manifesto prevede interventi contro la pubblicità dei prodotti alimentari e contro le scorrette abitudini a tavola.

Link
Link



I DATI ISTAT SULLE ABITUDINI ALIMENTARI

Secondo l'Istat il pasto principale per buona parte degli Italiani è quello di mezzogiorno. Nel Sud il pranzo viene consumato a casa dall'83,8% delle persone, al Nord la percentuale scende al 67,8%. Al mattino il 78,6% degli italiani dichiara di fare una colazione più o meno abbondante. La dieta è ancora basata su:pane, pasta e riso che rappresentano la principale fonte di carboidrati.

Link
Link



SICUREZZA ALIMENTARE DAVANTI ALLA TV

Le autorità per la sicurezza alimentare statunitense(FSIS), forniscono alcuni consigli su come evitare infezioni batteriche e contaminazioni ai cittadini che trascorrono le giornate davanti alla televisione "sgranocchiando" per ore.

Link



SPOT THE BLOCKS

Le autorità sanitarie americane hanno messo a punto un programma per incoraggiare gli adolescenti a leggere l'etichetta nutrizionale riportata sugli alimenti . Per trasmettere il messaggio in maniera accattivante , la Food and Drug Administration si avvale della collaborazione di Cartoon Network e propone due simpatici spot ed un sito.

Link
Link



SEIMILA I GENI DELL'OBESITA'

I titoli dei giornali spesso richiamano l'attenzione sulla scoperta del "gene obesità", anche se nella realtà i geni che regolano il peso sono migliaia. Tre ricercatori del Monell Center di Philadelphia hanno provato a "contarli" trovandone più di seimila. Il lavoro è stato pubblicato su BMC Genetics. Per l'analisi i ricercatori si sono serviti dei dati raccolti presso il Jackson Laboratory Mouse Genome Database, una banca che raccoglie le informazioni su quasi duemila topolini. Dall'osservazione di ciò che accade "spegnendo" il gene, si risale alla funzione del gene stesso (la tecnologia knockout è molto utilizzata in genetica, tanto che i suoi inventori sono stati insigniti del Nobel per la Medicina nel 2007).

Link
Link



UNA PIRAMIDE ALIMENTARE PER GLI SPORTIVI

Al congresso internazionale di nutrizione sportiva applicata tenuto all'inizio di febbraio al Politecnico federale di Zurigo, è stata presentata una piramide alimentare per gli sportivi. La nuova piramide, concepita per chi esercita un'attività motoria di almeno cinque ore alla settimana, spiega come coprire correttamente i bisogni nutritivi. Questa ed altre informazioni per gli atleti si trovano in un libro curato dall'Ufficio federale dello sport (UFSPO). La piramide alimentare classica traccia le linee direttive per ogni categoria di nutrimenti, mettendo alla base frutta, verdura e carboidrati e al vertice dolci e spuntini salati. Ma finora non ne era stata concepita una che rispondesse ai bisogni specifici degli sportivi, spiegano gli specialisti del Politecnico federale.

Link



PROGETTO NAZIONALE CONTRO BULIMIA E ANORESSIA

Parte il primo progetto nazionale per contrastare l'emergenza sociale nei confronti di patologie collegate al cibo, che interessano una percentuale crescente di italiani. E' stato stanziato un milione di euro per realizzare un progetto contro bulimia e anoressia, elaborato sulla base del Protocollo di Intesa del 19 settembre 2007 sottoscritto dal Ministro della Salute e dal Ministro per le Politiche giovanili e le Attività sportive, nell'ambito del programma "Guadagnare salute".

Link



QUALI INDICAZIONI NUTRIZIONALI SUGLI ALIMENTI?

Il gruppo di esperti dell'Efsa che si occupa di prodotti dietetici ha pubblicato un documento in cui definisce quali sono i criteri da adottare per i profili nutrizionali degli alimenti che riportano sull'etichetta indicazioni dietetiche e salutistiche. L'Efsa sta creando una banca dati sulla composizione dei cibi realizzata insieme agli Stati membri e all'industria in funzione dell'elaborazione di un modello di profili nutrizionali entro gennaio 2009.

Link



ACQUA DEL RUBINETTO BUONA E SICURA

Gli italiani sono i primi consumatori al mondo di acque minerali con quasi 190 litri a testa. Una campagna promuove il consumo dell'acqua del rubinetto che spesso risulta buona, controllata e poco costosa. Proposte anche per regolamentare la pubblicità dell'acqua in bottiglia.

Link



INFORMAZIONI CHIARE AL RISTORANTE

Per la prima volta in Inghilterra, una nota catena di locali ha deciso di riportare sul menù indicazioni nutrizionali per aiutare i clienti nella scelta. Lo schema è quello proposto dalla FSA per le confezioni dei prodotti: un semaforo che attraverso i colori verde, rosso e giallo evidenzia i piatti più ricchi di grassi e zuccheri. Queste indicazioni sono utilizzate anche per evidenziare gli allergeni.

Link
Link



NON SERVONO CIBI SPECIALI PER DIABETICI

L'agenzia tedesca per la sicurezza alimentare (BfR), ritiene che alle persone diabetiche non servono cibi particolari, ma solo una certa attenzione quando si scelgono i prodotti. Per questo motivo gli esperti ritengono indispensabile trovare al supermercato prodotti alimentari con etichette nutrizionali complete , in modo da consentire ai dibetici scelte oculate.

Link



NEL 2048 TUTTI GLI ADULTI AMERICANI SARANNO SOPRAPPESO OD OBESI

Lo prevedono alcuni studiosi americani sulla base dei dati raccolti in USA fra il 1970 ed il 2004. Se il trend di incremento della prevalenza di soprappeso ed obesità evidenziato in USA negli ultimi 30 anni dovesse mantenersi inalterato, nel 2030 circa l'86% degli adulti sarà in eccesso di peso con oltre il 50% di obesi, mentre nel 2048 tutti gli adulti saranno almeno sovrappeso. Tale tendenza sarà particolarmente accentuata nelle donne nere e negli uomini di origine messicana. Questa drammatica previsione è contenuta in un articolo pubblicato il 24 luglio scorso sulla autorevole rivista Obesity ondine. I costi sanitari totali attribuibili al soprappeso/obesità negli USA, stimati per il 2030 saranno di circa 950 bilioni di dollari, pari a circa il 16-18% di tutti i costi sanitari. Questi dati sottolineano l'importanza di attuare senza indugi strategie efficaci per la prevenzione del soprappeso e dell'obesità in USA.

Link



TABELLE DEGLI ALIMENTI PER I FRANCESI

L'Afssa ha pubblicato insieme al Ciqual le nuove tabelle nutrizionali degli alimenti. La banca dati è composta da 1300 prodotti. Ogni scheda incude oltre 25 riferimenti nutrizionali.

Link



L'OBESITA' IN ITALIA

Il sito Epicentro pubblica il rapporto redatto dall'Iss abbinato alla campagna Okkio alla salute. In Italia un bambino su tre pesa troppo e i genitori non se ne accorgono. L'indagine evidenzia che 1,1 milioni di bambini tra i 6 e gli 11 anni sono sovrappeso o obesi. I piccoli fanno poca attività fisica e quasi la metà di loro abusa di Tv e videogiochi. I genitori sembrano sottovalutare il problema: ben 4 su 10 non ritiene che il proprio figlio abbia un peso eccessivo rispetto all'altezza. Per quanto riguarda l'obesità, si riscontrano picchi maggiori, con scostamenti rilevanti dalla media nazionale, in alcune regioni del Sud. In testa troviamo la Campania, con un tasso di obesità del 21%, seguita dalla Sicilia e dalla Calabria, rispettivamente con il 17 e 16%, contro una media nazionale del 12%. I valori minimi sono assegnati al Friuli Venezia Giulia (4%) e alla Sardegna (7%).

Link
Link



Gli italiani sono meno attenti agli stili di vita.

Secondo una recente indagine realizzata dal Censis, condotta su un campione di soggetti di età superiore a 18 anni, si riduce rispetto al passato la percentuale di Italiani che individuano nelle abitudini alimentari e nello stile di vita, elementi determinanti per mantenersi in salute. Effetto paradosso delle tante campagne di promozione della salute?

Link



DUBBI SU CIBI FUNZIONALI E CEREALI PER LA PRIMA COLAZIONE

L'associazione dei consumatori francese Que Choisir mette in dubbio le caratteristiche evidenziate nella pubblicità di alcuni cibi funzionali. In Italia, Altroconsumo critica la presenza di troppi zuccheri e troppe calorie nei cereali per la prima colazione.

Link
Link



OBESITA': DIFFICILE COLLABORAZIONE TRA ISTITUZIONI E INDUSTRIA

Un recente articolo pubblicato sulla prestigiosa rivista americana Jama, si interroga sulla possibilità di avviare una collaborazione tra le autorità sanitarie e le aziende alimentari per contrastare l'obesità. Gli autori osservano che in questi anni le multinazionali del cibo hanno più volte dichiarato di condividere progetti istituzionali mirati alla prevenzione dell'obesità, ma le loro politiche commerciali non sono state coerenti. L'articolo invita le istituzioni ad evitare collaborazioni impossibili. Ludwig DS, Nestle M. JAMA. 2008; 300 (15): 1808-1811

Link



EUROPASS RISPONDE ALLE DOMANDE SUI CIBI FUNZIONALI

Dal 1 all' 8 dicembre la prof.ssa Alessandra Bordoni del Centro Ricerche Nutrizione dell'Università di Bologna risponde sul sito dell'Europass (www.europass.parma.it) a domande sugli alimenti funzionali. Si tratta di un'iniziativa presa dopo la conferenza realizzata a Bologna dall'Efsa.L'intento è fornire risposte alle domande degli operatori e aprire una finestra di dialogo con i cittadini. Un resoconto verrà pubblicato sul sito entro un paio di giorni.

Link



PERPLESSITA' SULL'EFFICACIA DEGLI ANTIOSSIDANTI SULL'INVECCHIAMENTO

Un team di studiosi britannici che ha condotto un esperimento su vermi Nematodi, ha scoperto che anche quelli cui venivano dati potenti antiossidanti per combattere il danno ai tessuti generato dai cosiddetti "radicali liberi" non vivevano piu' a lungo. Sulla rivista Genes and Development i ricercatori della University College London hanno affermato che non e' emersa "alcuna prova evidente" che gli antiossidanti possano rallentare l'invecchiamento.

Link
Link



LE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ADOLESCENTI SECONDO I PEDIATRI

Un'indagine condotta dalla Società Italiana di Pediatria (SIP) su 1120 adolescenti di età compresa tra 12 e 14 anni, evidenzia un incremento del fumo e del consumo di alcol e droghe. C'è invece maggiore l'attenzione nei confronti delle problematiche alimentari. Oltre il 52% dei ragazzi consuma latte e/o frutta al di fuori dei due pasti principali.

Link
Link



LA NUOVA PIRAMIDE ALIMENTARE

Europass e la Provincia di Piacenza organizzano una conferenza su "La nuova piramide alimentare". L'appuntamento è per il 26 gennaio alle ore 15.00 presso il Palazzo dell'Agricoltura (Sala Bertonazzi) a Piacenza.

Link



Geni ed obesità

Gli studiosi stimano che la componente genetica pesi per un 30-50% sul rischio obesità. In un recente articolo pubblicato sull'International Journal of Obesity, è stato individuato un singolo gene, la cui variante più aggressiva induce i bambini a preferire cibi più ricchi di zuccheri e grassi, aumentando il rischio di sviluppare obesità.

Link



INDIVIDUATA UNA NUOVA SOSTANZA ENDOGENA CHE ATTENUA LA FAME

Diversi sono i fattori e le sostanze prodotte dall'organismo in grado di influenzare il senso di fame e di appetito. Alcuni ricercatori hanno recentemente individuato una nuova sostanza prodotta dal sistema digestivo, specie a seguito dell'introduzione di cibi grassi, in grado di ridurre l'introito calorico in animali da esperimento.

Link



RUOLO SOCIALE DEL PASTO ED ABITUDINI ALIMENTARI NEI GIOVANI ADULTI

Uno studio condotto nel Minnesota in giovani ventenni, ha evidenziato come pranzare assieme ad altri porta a nutrirsi in maniera più salutare e a scegliere più frutta e verdura. Viceversa mangiare di corsa o da soli determina un maggiore consumo di grassi ed un minore introito di cibi salutari.

Link



LINEE GUIDA SULLA PREVENZIONE E GESTIONE DELL'OBESITA' NEGLI ADULTI

Sono state pubblicate dal Institute for Clinical Systems Improvement le linee guida sulla prevenzione, la gestione ed il trattamento dell'obesità negli adulti. Queste linee guida non includono pazienti in età pediatrica e donne in gravidanza. Sono stati considerati i trattamenti chirurgici e farmacologici.

Link
Link



LA DIETA MEDITERRANEA AIUTA A MANTENERE LE FUNZIONI COGNITIVE

Un recente articolo pubblicato sulla rivista Archives of Neurology (Scarmeas N. et al. Arch Neurol, 2009; 66 (2): 216-225), evidenzia come la Dieta Mediterranea sembra in grado di prevenire la sindrome da decadimento cognitivo medio (MCI), che rappresenta l'anticamera della demenza o della malattia di Alzheimer.

Link



PER ADOLESCENTI OBESITA' PERICOLOSA QUANTO IL FUMO

Secondo una ricerca svedese pubblicata in febbraio sul British medical journal (BMJ), l'obesità nella tarda adolescenza comporta rischi di morte prematura, paragonabile a quella dei ragazzi che fumano più di dieci sigarette al giorno. Gli adulti obesi (con un indice di massa corporea, IMC o BMI, superiore a 30) quando raggiungono la mezza età hanno un rischio di mortalità due o tre volte superiore a quello degli adulti con un peso "normale" (IMC tra 18,5 e 24,9).

Link



RICERCHE DEL DISTAM SULLA PASTA SENZA GLUTINE

Il sito Europass propone, nella rassegna stampa, un interessante articolo di Barbara Asprea, pubblicato su Farmacia News, che descrive le ricerche condotte dall'Università di Milano sui prodotti destinati alle persone affette da celiachia.

Link



USA: BASTA DOLCIFICANTI,TORNA LO ZUCCHERO

Zucchero è bello. Una delle bibite più ricercate negli Stati Uniti è la Coca Cola kosher, a base di zucchero di canna e teoricamente dedicata agli ebrei osservanti che non consumano mais per la Pasqua. E' diventato un prodotto 'cult' e visto il successo alcuni negozi la stanno addirittura razionando. Dopo 30 anni di processi, negli Stati Uniti torna alla grande lo zucchero, che sta sempre più sostituendo i dolcificanti a base di mais, accusati di essere una delle cause dell'obesità, e di non essere un prodotto naturale, dato che viene trattato chimicamente

Link



EBP (EVIDENCED BASED PREVENTION) e OBESITA'

In molti Paesi occidentali l'obesità e il sovrappeso sono riconosciuti come un problema di salute pubblica. In Italia si stima che il 24% dei bambini di 8-9 anni sia in sovrappeso e il 12% obeso. Al riguardo è in corso il progetto "Programmi efficaci per la prevenzione dell'obesità: il contributo dei Sian" che si pone come obiettivo principale la prevenzione dell'obesità.

Link
Link



UN VIDEO SULLA NUTRIZIONE

"E tu da che parte stai?": si chiama così l'originale ed efficace spot realizzato dalla III B dell'istituto Toschi di Parma che si è aggiudicato il primo premio del concorso "Dimmi come mangi! Comunica l'importanza di mangiar sano: sicurezza, qualità e corretta nutrizione", promosso da Europass, EFSA e Regione Emilia-Romagna

Link



USA: L'ASSURDO MERCATO DEGLI INTEGRATORI

Secondo uno studio condotto su 11 mila bambini dai ricercatori dell'università della California e pubblicato dalla rivista Archives of Pediatrics and Adolescent Medicine, il 34% dei giovani americani utilizza integratori senza averne un reale bisogno. I bambini malnutriti, o con un'alimentazione sbilanciata, che ne avrebbero invece bisogno li usano raramente. Il ricorso alle bombe vitaminiche' da parte dei bambini cresce con l'aumentare del livello di istruzione dei genitori.

Link



MENO SALE IN GRAN BRETAGNA

La Food Standards Agency (FSA) britannica ha deciso nuovi limiti per il sale contenuto nei cibi già pronti, con l'obiettivo di non superare i sei grammi giornalieri per persona a partire dal 2012. Secondo gli ultimi dati, in Gran Bretagna, il consumo medio giornaliero di sale per persona è sceso dai nove grammi e mezzo del 2001 ai nove grammi del 2007 fino agli 8,6 grammi attuali.

Link
Link



QUANTO SONO EFFICACI LE CAMPAGNE SULLA SANA ALIMENTAZIONE ?

Nell'UE è stato avviato un progetto per catalogare le campagne istituzionali che invitano a seguire una dieta sana e per capire quali sono state le più efficaci. Lo studio, inserito all'interno del 7. programma quadro, è stato affidato all'università di Reading (Regno Unito) ed ha ricevuto un finanziamento di 2,5 milioni di euro.

Link
Link



STUDIO SU VITAMINE E INTEGRATORI IN 52 PAESI

Il 40% dei consumatori intervistati in una ricerca di mercato internazionale firmata dalla Nielsen Company, dichiara di usare vitamine e integratori, ma meno del 60% li assume quotidianamente. I livelli di consumo più elevati si registrano nelle Filippine e in Thailandia, dove due terzi (66%) degli intervistati ha molta dimestichezza con questi prodotti. I motivi che spingono così tante persone ad acquistare i preparati sono tre: prevenire le malattie, stimolare il sistema immunitario e riequilibrare la dieta.

Link
Link



ESISTE UN COLESTEROLO PIU' CATTIVO !

L'agenzia Agi, il quotidiano la Repubblica e molti blog hanno ripreso con enfasi uno studio giapponese che evidenzia il ruolo negativo dell'ossicolesterolo, considerato più nocivo rispetto al colesterolo cattivo (LDL). L'ossicolesterolo, secondo lo studio, si trova in cibi molto lavorati e si forma quando cibi grassi vengono cotti. Gianna Ferretti dell'Università Politecnica delle Marche nel suo blog spiega che gli ossicolesteroli si trovano nei prodotti lattiero caseari, nella carne, nei salumi, negli ovoprodotti e che è inutile creare un clima allarmistico visto che solo l'1% circa del colesterolo contenuto negli alimenti è presente in forma ossidata.

Link
Link



L'ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' E LA QUANTITA' DI VINO DA BERE A TAVOLA

Un intervento esclusivo dell'Istituto Superiore di Sanità per il nostro sito chiarisce quali sono le quantità di vino ottimali da consumare durante i pasti per un adulto.

Link



SEMPRE PIU' VICINA LA PILLOLA ANTI CELIACHIA

Previsto entro 2- 3 anni l'arrivo del farmaco, di cui è terminata la sperimentazione di fase due su circa 200 pazienti: assunto prima dei pasti, elimina i sintomi associati al consumo di glutine nell'85% dei casi. Attesi per dicembre i risultati di uno studio su pazienti con celiachia recente e sintomatica, mentre una nuova ricerca svela il vero volto della zonulina, la proteina bersaglio della pillola. Inoltre, è stato stipulato un importante accordo fra l'Associazione e l'Istituto Superiore di Sanità per uno studio di valutazione del grado di esposizione a micotossine nei celiaci.

Link



AUTORIZZATO L'OLIO DEL GAMBERETTO KRILL

La Gazzetta ufficiale dell'Unione Europea del 13 ottobre autorizza la commercializzazione dell'estratto di olio di krill. Il krill è un gamberetto che popola l'Antartico ed è una fonte alimentare per le balene. L'estratto dovrebbe essere commercializzato in capsule oppure usato come ingrediente nei prodotti alimentari. L'UE ha stabilito limiti precisi per i vari alimenti (da 200 a 500 mg per 100 g).

Link
Link



OBESITA': BAMBINI A RISCHIO E NOVITA' ALIMENTARI

Nel corso dell'Obesity Day sono stati forniti i dati sull'obesità dei bambini italiani (è obeso il 12,3% mentre il 23,6% è in sovrappeso). Si tratta di numeri che collocano il nostro paese in cima alla classifica europea.

Link



SI DICE, MA E' VERO?

Il giornale on line di Assolatte " L'attendibile", pubblica un servizio sui "falsi miti" legati al consumo dei prodotti lattiero caseari a cura del professor Carlo Cannella.

Link



TROPPO SODIO FA MALE ALLA DIETA

Il consumo eccessivo di sale aumenta notevolmente i rischi di infarto e di malattie cardiovascolari. E' quanto emerge da una ricerca effettuata congiuntamente dall'Università di Napoli Federico II e dall'Università di Warwick nel Regno Unito. Lo studio, finanziato dall'UE, è stato pubblicato sul British Medical Journal (BMJ).

Link



TROPPE CALORIE NEI MISURINI DI LATTE IN POLVERE

Uno studio condotto dall'Helmholtz Zentrum Mnchen (Germany) in collaborazione con l'INRAN (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione) ha evidenziato un possibile eccesso di dosaggio del latte artificiale per i neonati (da 0 a 4 mesi) allattati esclusivamente con questi prodotti perchè le quantità indicate in etichetta sono superiori alle raccomandazioni nutrizionali.

Link
Link



IL CAFFE' E LA SALUTE

Secondo uno studio pubblicato da parte di E- Lopez-Garcia (Universidad Autonoma di Madrid), bere molto caffè per periodi prolungati non ha alcun impatto sul rischio di patologie cardiache. Lo studio ha riguardato 128.000 soggetti seguiti per vent'anni e ha dimostrato che bere caffè filtrato (non il classico espresso) non aumenta il rischio cardiaco.

Link



GENETICA E ALIMENTAZIONE

Un team di scienziati statunitensi ha annunciato di avere ottenuto maiali geneticamente modificati, il cui organismo è in grado di produrre acidi grassi benefici. Gli animali producono acidi grassi omega-3, un composto in grado di avere un effetto positivo sulla funzione cardiaca e di ridurre il rischio di patologie cardiache nell'uomo. Attualmente, gli omega-3 possono essere assunti solo mediante integratori o mangiando determinati pesci. Il pesce può però contenere quantità elevate di mercurio. Con l'obiettivo di individuare una fonte alternativa di omega-3, i ricercatori hanno trasferito un gene presente in una varietà di vermi in cellule di maiale.

Link



MEGLIO IL PANE INTEGRALE DEL PANE BIANCO

Il pane puo' aiutare a prevenire le cardiopatie o il diabete di tipo 2, dipende dal frumento. Lo ha scoperto un gruppo di ricercatori finanziato dall'Unione Europea in uno studio riportato dal notiziario Cordis. Anche una dieta a base di frumento integrale puo' contribuire al benessere perche' tale alimento contiene più fibre, vitamine e minerali.

Link



L'ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI DURANTE LE EMERGENZE

l'Istituto superiore di sanità ha ospitato il seminario "Alimentazione infantile nelle emergenze", con lo scopo di condividere le linee d'azione proposte in ambito internazionale per la gestione dell'alimentazione dei bambini in situazione di emergenza.

Link



VEGETALI SURGELATI MIGLIORI DI QUELLI FRESCHI?

Dal campo alla tavola i vegetali freschi perdono oltre il 45% dei nutrienti. Lo rileva uno studio dell'Institute of Food Research britannico e commissionato da un'industria produttrice di surgelati riportato nel Daily Telegraph. Secondo i ricercatori frutta e verdura impiegano anche due settimane per raggiungere i consumatori. Ecco qualche esempio: i fagiolini dopo 16 giorni perdono il 45% dei nutrienti, i broccoli e i cavolfiori il 25%, i pisellini il 15% e le carote il 10%. Diverso il percorso seguito dai surgelati, in quanto i prodotti vengono trattati subito dopo essere stati colti.

Link



RIDURRE SALE E SODIO PER PREVENIRE LE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

Secondo l'Oms bisogna consumare meno di 5 g di sale da cucina al giorno, (equivalenti a circa 2 grammi di sodio). Gli italiania ttraverso il cibo introducono in media 10 g di sale al giorno. Un dossier di Epicentro focalizza il problema.

Link



FRUTTI DI BOSCO E MALATTIE METABOLICHE

Secondo un recente studio pubblicato sulle pagine dell'European Journal of Clinical Nutrition, un consumo adeguato di bacche e frutti di bosco protegge dal rischio d'infiammazione, malattie del fegato e dalla sindrome metabolica.

Link



GRASSI INSATURI ED OMEGA-3: ECCO I NUOVI CLAIMS NUTRIZIONALI

Nell'allegato al regolamento (CE) 1924/06, sono elencate le uniche informazioni nutrizionali che è consentito utilizzare nell'etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari. Tale elenco è stato recentemente aggiornato con l'inserimento di alcuni claims relativi agli acidi grassi

Link
Link



ITALIANI A TAVOLA: COSA MANGIANO DAVVERO

Cosa mangiano davvero gli italiani ogni giorno? L'INRAN (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione) lo ha chiesto a 3323 soggetti (1501 maschi e 1822 femmine) di tutte le età e distribuiti sull'intero territorio nazionale.

Link



ALIMENTAZIONE SENZA GLUTINE. LE REGOLE D'ORO PER GLI ESERCENTI DEI BAR

Chi decide di organizzarsi per servire nel modo migliore le persone affette da celiachia deve attenersi a una serie di regole ben precise.

Link
Link



QUANTO SALE CONSUMANO A TAVOLA GLI ITALIANI

Il 14 giugno 2010 nel convegno che si terrà a Roma sul tema "Abuso di sale, obesità e ipertensione. Meno sale, più salute: vicini alla soluzione?" verranno presentati i dati sul consumo di sale degli italiani. Si tratta di una ricerca molto importante perch e i valori attuali risalgono a molti anni fa e riguardano un ristretto gruppo di popolazione. Il nuovo lavoro, coordinato dall'Università di Napoli Federico II e realizzato insieme a ISS, Inran, Università di Campobasso-Foggia e Fondazione per l'Ipertensione Arteriosa, fornirà i valori di riferimento per adulti e ragazzi (6-18 anni).

Link



I MICRONUTRIENTI

La maggior parte dei Paesi europei ha stabilito proprie raccomandazioni sulla quantità di ciascun nutriente che la popolazione dovrebbe assumere mediamente in un giorno per evitare qualsiasi carenza e favorire una buona salute. Per allineare le raccomandazioni sui micronutrienti, il network europeo EURRECA (EURopean micronutrient RECommendation Aligned) sta valutando i dati scientifici disponibili e le priorità. I 10 nutrienti per cui è più urgente una revisione sono: la vitamina D, il ferro, il folato, la vitamina B12, lo zinco, il calcio, la vitamina C, il selenio, lo iodio e il rame.

Link
Link



GLI ALIMENTI FUNZIONALI

Consigli per un'alimentazione sana, nuove mode dietetiche, spettacoli culinari, disturbi alimentari e malattie... sembra insaziabile l'appetito per le notizie legate all'alimentazione. Orà è disponibile una nuova pubblicazione della Commissione europea per aiutare il pubblico a capire meglio che cos'è un "alimento funzionale" e per saperne di più sulle iniziative di ricerca dell'Ue in questo settore.

Link



IL SUCCO DI BARBABIETOLA ROSSA ABBASSA NATURALMENTE LA PRESSIONE DEL SANGUE

Il succo di barbabietola rossa, ricco di composti dell'azoto, abbassa la pressione del sangue. E' quanto conferma uno studio diretto da Amrita Ahluwalia della Queen Mary University di Londra e pubblicato sulla rivista Hypertension.

Link



DEFINITE LE COMPETENZE DEI BIOLOGI NEL SETTORE NUTRIZIONALE

Il Ministero della Salute, tramite un parere del Consiglio Superiore di Sanità, ha delineato per la prima volta in modo ufficiale quali sono le competenze del biologo in materia di nutrizione. Nel documento viene sancito che il biologo può elaborare diete rivolte ai soggetti sani al fine di migliorare o mantenere il benessere fisico.

Link
Link



AL VIA UNO STUDIO PER TESTARE IL PECORINO ANTICOLESTEROLO

Il team del professor Pierlorenzo Secchiari della facoltà di agraria dell'Università di Pisa è riuscito a realizzare un tipo di formaggio pecorino ricco di acido linoleico coniugato (CLA), che contribuisce a proteggere l'organismo dalle malattie cardiovascolari. L'alimento, dal nome Cladis, è stato ottenuto mediante latte di pecore nutrite con uno speciale mangime ricco di semi di lino estrusi, prodotto che gli stessi sperimentatori hanno dimostrato essere una fonte naturale di precursori di acido linoleico coniugato.

Link



L'ISS AGGIORNA DATI SU OBESITA' E NUTRIZIONE DEI GIOVANI TRA 6 E 17 ANNI

Sono stati presentati i risultati del progetto "Sistema di indagini sui rischi comportamentali in età 6-17 anni" promosso dal Ministero della Salute/CCM, nell'ambito del programma strategico "Guadagnare salute " coordinato dall'Istituto Superiore di Sanità. I dati riguardano in particolare il sistema di sorveglianza "Okkio alla salute" e lo studio Zoom8.

Link



GENI, OBESITA' E DISTRIBUZIONE DEL GRASSO

Alcuni scienziati finanziati dallaUE hanno identificato 18 nuovi luoghi genetici che influenzano l'obesità in generale e 13 nuovi luoghi associati alla distribuzione del grasso. I ricercatori europei, ma anche australiani, canadesi e statunitensi, hanno usato un campione di quasi 250.000 elementi per studiare i collegamenti genetici con i tratti umani. I risultati dei due studi, pubblicati sulla rivista Nature Genetics, hanno gettato nuova luce sul perch e alcune persone sono più soggette all'obesità di altre.

Link



RAPPORTO OCSE PER OBESITA' IN EUROPA : FIT NOT FAT

Il tasso di obesità nei Paesi Ocse è aumentato del 10% rispetto al 1980, e circa la metà della popolazione è in sovrappeso. Lo riferisce il nuovo rapporto "Obesity and the economics of prevention: fit not fat" che confronta i dati provenienti da 11 nazioni.

Link
Link



QUALCHE MIGLIORAMENTO NEL PESO DEI GIOVANI ITALIANI

Sono stati resi noti i risultati del progetto coordinato dall'Iss "Sistema di indagini sui rischi comportamentali in età 6-17 anni", avviato nell'ambito del programma strategico "Guadagnare Salute". In particolare, è emerso che il 9% dei bambini non fa colazione, il 30% la fa in maniera non adeguata, circa il 50% consuma bevande zuccherate o gassate nell'arco della giornata e 1 bambino su 4 non mangia quotidianamente frutta e verdura.

Link



STUDIO INRAN: PUO' UN CAFFE' INFLUENZARE LA DIGESTIONE DEI CARBOIDRATI?

Da tempo la scienza ha evidenziato il potere protettivo del caffè nei confronti del rischio di diabete del tipo 2. Ma quali sono i meccanismi che consentono ai consumatori abituali della tazzina di prevenire questa patologia?

Link



CAMERA COMMERCIO TORINO PRESENTA DUE GUIDE SU PROBLEMATICHE ALIMENTARI

La Camera di commercio di Torino ha presentato due nuove Guide ai diritti. La prima riguarda gli integratori alimentari, mentre la seconda si occupa della questione dei marchi e delle denominazioni di origine.

Link
Link



DISTRIBUTORI AUTOMATICI DI CIBI SALUTARI: IL PROGETTO DELLA ASL DI TRENTO

Promuovere corretti stili di vita, in particolare la sana alimentazione: è questo l'obiettivo dell'iniziativa pilota "Pausa amica" dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari di Trento. Il progetto promuove il consumo di cibi salutari all'interno dell'Azienda sanitaria attraverso la sostituzione dei tradizionali distributori automatici alimentari con altri che offrono prodotti sani e del territorio locale. "Pausa amica" si inserisce all'interno del più ampio programma provinciale "Guadagnare in salute in Provincia di Trento", declinazione dell'omonimo programma nazionale.

Link



CELIACHIA E MORBO DI CROHN HANNO QUATTRO GENI IN COMUNE

La celiachia e il morbo di Crohn, malattie che causano un'infiammazione dell'apparato gastrointestinale, hanno in comune quattro geni. Secondo uno studio pubblicato dalla rivista Plos Genetics, e realizzato da un team internazionale di ricercatori coordinati dall'Universita' olandese di Groeningen, sarebbe questo il motivo per cui i celiaci hanno maggiori probabilita' di contrarre anche l'altra malattia.

Link



L'EFSA RIMANDA A FINE FEBBRAIO IL GIUDIZIO SULL'ASPARTAME

l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) darà un parere scientifico sulla sicurezza dei dolcificanti artificiali, entro la fine di febbraio. Sul tappeto ci sono due nuovi studi che mettono in dubbio la sicurezza dei dolcificanti. Uno è lo studio condotto dall'Istituto Ramazzini che si concentra sulla potenziale cancerogenicità dell'aspartame nei topi; il secondo è uno studio epidemiologico danese.

Link



IL "JUNK FOOD" DANNEGGIA IL QUOZIENTE INTELLETTIVO DEI BAMBINI

Il Journal of Epidemiology and Community Health ha pubblicato un indagine che ricercatori dell'Università di Bristol ha effettuato sugli effetti prodotti dallo "junk food", il cibo da consumare in genere fuori pasto ad alto contenuto calorico ma di scarso valore nutrizionale, sul livello intellettivo dei bambini.

Link
Link



L'ESPOSIZIONE PRECOCE AL LATTE VACCINO NON NE FAVORISCE LA TOLLERANZA

Un gruppo di scienziati tedeschi del GINI (German Infant Nutritional Intervention Study Group) ha recentemente pubblicato uno studio ("Supplementation with cow's milk at birth is not recommended") che smentisce la teoria secondo la quale somministrare latte vaccino ai neonati favorirebbe la tolleranza alle proteine del latte, specialmente nei soggetti a rischio.

Link



LINEE GUIDA ALIMENTARI PER GLI AMERICANI

Il Dipartimento Americano dell'Agricoltura (USDA) e il Dipartimento di Salute e Servizi Umani (HHS) hanno pubblicato le linee guida alimentari per gli americani, promosse dal governo federale per aumentare la salute della popolazione, ridurre il rischio di malattie croniche e contrastare sovrappeso e obesità attraverso la corretta nutrizione e l'attività fisica.

Link
Link



I PESCI ALIMENTATI CON VERDURE CRESCONO BENE E NON CAMBIANO LE CARATTERISTICHE

Gli scienziati del progetto AQUAMAX ("Sustainable aquafeeds to maximise the health benefits of farmed fish for consumers") finanziato con 10,5 milioni di euro nell'ambito del Sesto programma quadro, sono riusciti a sostituire i mangimi di origine animale destinati a salmoni e trote salmonate d'allevamento con proteine vegetali. è interessante notare che il salmone sembra mantenere il suo valore come fonte di acidi grassi salutari per gli esseri umani.

Link
Link



ARRIVA LA PIRAMIDE ALIMENTARE PER L'INFANZIA FIRMATA DA CARLO CANNELLA

La Piramide alimentare per i bambini più piccoli, ispirata ai principi della dieta mediterranea è stata l'ultimo lavoro firmato dal prof. Carlo Cannella. Il progetto si pone l'obiettivo di orientare le mamme nel delicato passaggio dall'allattamento al seno ai primi alimenti semisolidi e solidi.

Link
Link



OKKIO ALLA SALUTE: I RISULTATI OTTENUTI NEL 2010

Il questionario compilato da oltre 40 mila alunni delle scuole e dai loro genitori, all'interno del progetto "Okkio alla salute", ha confermato i livelli di sovrappeso (22,9%) e di obesità (11,1%).

Link



EUFIC - LINEE GUIDA NUTRIZIONALI PER L'EUROPA

Su richiesta della Commissione europea, l'Efsa ha fornito indicazioni sui consumi di: grassi, carboidrati, fibre e acqua, in relazione alle nuove conoscenze nutrizionali. Questi valori dietetici di riferimento stabiliscono l'assunzione ottimale di nutrienti in una dieta equilibrata che insieme ad uno stile di vita sano, contribuisce a mantenere una buona salute.

Link



ARRIVA IL PIATTO DIVISO IN QUATTRO

Gli americani dicono addio alla piramide alimentare, è arrivato il piatto diviso in quattro. Non si tratta di una vera e propria rivoluzione nutrizionale ma di una semplificazione dei messaggi. Qualche perplessità è stata espressa dagli esperti su alcuni aspetti.

Link
Link



ALIMENTI DI ORIGINE VEGETALE, POLIFENOLI ED EFFETTO SULLE DIFESE ANTIOSSIDANTI NELL'UOMO

L'Inran, l'ente pubblico italiano per la ricerca in materia di alimenti e nutrizione ha curato la prima revisione sistematica sulla capacità degli alimenti di origine vegetale e dei loro polifenoli, di modulare le difese antiossidanti dell'uomo.

Link



PRODOTTI PER BAMBINI CON TROPPI PESTICIDI

La Federazione dei medici pediatri sostiene che alcuni prodotti alimentari destinati all'infanzia sono in realtà pensati per gli adulti. C'è quindi il rischio che gli alimenti destinati ai più piccoli contengano quantità di pesticidi, metalli pesanti e micotossine in quantità maggiori rispetto a quanto previsto per i baby food.

Link



LA DANIMARCA INAUGURA LA TASSA SUI CIBI RICCHI DI CALORIE

Il pacchetto di patatine fritte in Danimarca è gravato da una tassa che penalizza i prodotti alimentari ricchi di grassi.

Link



AUMENTA L'EXPORT SUI SALUMI E ARRIVANO NUOVI VALORI NUTRIZIONALI

La congiuntura economica negativa non frena l'export di salumi italiani. Il primo semestre 2011 si è chiuso con una crescita del 10% circa. Sono stati presentati ufficialmente i nuovi valori nutrizionali sui salumi italiani.Il dossier reca la firma dell'Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione e della Stazione sperimentale per l'industria delle conserve alimentari).

Link
Link



PROTESTE PER IL VIA LIBERA AL LATTE CONCENTRATO

La Commissione Agricoltura della Camera ha dato parere favorevole allo Schema di decreto legislativo di attuazione della direttiva 2007/61/CE, relativa a taluni tipi di latte conservato parzialmente o totalmente disidratato, destinato all'alimentazione umana. Al commento positivo del Ministro delle Politiche Agricole, Saverio Romano, è seguito un coro di proteste, soprattutto da parte delle organizzazioni agricole.

Link
Link



ALIMENTI PARTICOLARI: PROPOSTE MODIFICHE DALLA COMMISSIONE EUROPEA

Secondo la Commissione europea l'etichettatura degli alimenti dietetici non consente l'immediata comprensione della composizione per divergenze tra le normative nazionali. Per questo motivo si chiede la modifica di alcuni parametri che penalizzerebbero gruppi di consumatori come i celiaci.

Link
Link



LINEE GUIDA PER L'EDUCAZIONE ALIMENTARE

Pubblicate sul sito del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della ricerca, le "Linee guida per l'educazione alimentare nella scuola italiana"

Link



NUOVI STUDI SULLA RIDUZIONE DEL SALE

Il reparto di Epidemiologia delle malattie cerebro e cardiovascolari (Cnesps) commenta uno studio pubblicato su Jama sui benefici derivanti dalla riduzione del sale nell'alimentazione.

Link
Link



LA FRANCIA TASSA LE BEVANDE ZUCCHERATE

La tassa sulle bibite zuccherate in Francia ci sarà e colpira' anche le bevande contenenti dolcificanti intensi come l'aspartame. I due provvedimenti, secondo stime governative, frutteranno circa 280 milioni di euro, che saranno utilizzati per finanziare il servizio sanitario nazionale e garantire tagli agli oneri fiscali e sociali sui salari piu' bassi del settore agricolo.

Link



NUTRIGENETICA

Tra gli ambiti di applicazione della genetica, che in genere spaziano dalla medicina predittiva alla diagnostica di patologie, oggi rientra anche la definizione di una dieta personalizzata, vale a dire un regime alimentare che rispecchia il profilo genetico di ogni persona.

Link



LINEE GUIDA SU PROBIOTICI

Il Ministero della Salute ha pubblicato la revisione 2011 delle linee guida sui Probiotici, utilizzati in molti alimetni funzionali per migliorare gli equilibri della flora intestinale.

Link
Link



UNA GUIDA PER LA PESCA SOSTENIBILE PUBBLICATA DALLA UE

L'Europa ritiene che per salvaguardare le specie ittiche a rischio per l'eccessivo numero di catture, bisogna adottare pratiche di pesca ragionata e sostenibile. La Commissione Europea ha avviato una campagna per sostenere questo progetto rivolto ai consumatori e alle imprese del settore che cerca di sensibilizzare l'opinione pubblica.

Link
Link



SOLO LA META' DEGLI ITALIANI RSPETTA LA DIETA MEDITERRANEA

Secondo i dati di un'indagine condotta dall'Osservatorio Adi-Nestlè solo il 56% degli italiani rispetta i principi alla base della tradizione alimentare. Il 93% degli intervistati riconosce l'importanza di una dieta sana ed equilibrata ma poi a tavola le cose vanno diversamente: il 41% e il 54% degli intervistati non consuma rispettivamente frutta e verdura tutti i giorni.

Link



LA SICILIA COME GLI STATI UNITI DICE NO ALLE BIBITE NEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI

La giunta regionale siciliana ha annunciato di aver inserito nella finanziaria una serie di norme per promuovere i prodotti locali. L'intento è anche quello di vietare nelle scuole la distribuzione di bibite gassate, favorendo la presenza di spremute, frutta in pezzi e altri prodotti tipici.

Link