Sale

    Progetto CUORE: progressi nella riduzione del consumo di sale nella popolazione italiana adulta

    17/12/2020

    Tra gli adulti italiani diminuisce il consumo di sale: è quanto emerge da uno studio condotto dall’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” pubblicato nella rivista scientifica Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Diseases. Contenente i dati relativi al trend temporale dei livelli medi urinari giornalieri di sodio tra il 2008 e il 2019.

    Categoria Notizia: 

    Il consumo di sale in Italia: i dati PASSI 2016-19

    26/11/2020

    I dati PASSI relativi al quadriennio 2016-2019 mettono in evidenza che la gran parte della popolazione italiana abbia compreso l’importanza dell’utilizzo del sale iodato per la prevenzione dei disordini da carenza iodica.

    È emerso, infatti, che il 71% delle oltre 130mila persone intervistate fa uso di sale iodato, percentuale vicina all’85-90% raccomandato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) affinché un programma di prevenzione risulti robusto e consolidato nel tempo.

    Categoria Notizia: 

    Video della Settimana: Food Coalition

    Meno sale, più salute: "progetto cuore" Istituto Superiore Sanità

    11/05/2020

    Meno sale, più salute.

    Lo ricorda il Progetto Cuore nei materiali divulgativi predisposti nell’ambito delle attività finalizzate alla riduzione del consumo di sale nella popolazione italiana e alla realizzazione del Progetto CCM “Monitoraggio del consumo medio giornaliero di sodio nella popolazione italiana“.

    Un poster e una brochure, pensati per i cittadini e per gli operatori sanitari, spiegano come, quanto e perché è importante diminuire l’uso del sale nell’alimentazione quotidiana.

    Categoria Notizia: 

    Settimana mondiale per la riduzione del consumo di sale 2020

    16/03/2020

    La 12 edizione della Settimana mondiale per la riduzione del consumo di sale ricorre quest’anno dal 9 al 15 marzo. L’evento, promosso dal World Action on Salt & Health, ha come tema “Hide and Seek” (nascondi e cerca) per richiamare l’attenzione della popolazione sul sale “nascosto” all’interno dei cibi e la necessità di “cercare” cibi con un contenuto ridotto.

     

    Categoria Notizia: 

    Airc: la carne rossa fa venire il cancro? Facciamo chiarezza

    21/02/2020

    Due fettine di salame, una bistecca ai ferri, una salsiccia, il bollito, l’hamburger… e che dire dell’arrosto? Ma posso mangiarli? O rischio che mi venga un cancro? Da quando lo IARC – l’Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro - ha messo in guardia sul legame tra i tumori e le carni rosse - e in particolare quelle lavorate o processate come i salumi - sedersi a tavola davanti a una fiorentina mette indubbiamente un po’ d’ansia. E allora facciamo chiarezza!

    Categoria Notizia: 

    Quanto sale? Un nuovo studio alza la soglia giornaliera di sodio a patto di consumare alimenti ricchi di potassio.

    19/03/2019

    I risultati dell’indagine condotta dal gruppo internazionale PURE su oltre 100 mila soggetti, seguiti per oltre 8 anni, suggeriscono che è lecito mangiare un po’ più ‘salato’ (senza superare però i 3-5 grammi di sodio al giorno), a patto però di aumentare l’assunzione di potassio con la dieta.

    Settimana mondiale per la riduzione del consumo di sale 2019

    07/03/2019

    La settimana mondiale 2019, dedicata al tema Let's take salt off the menu (togliamo il sale dai menù), mira anche quest’anno a promuovere l’azione degli Stati e a sensibilizzare l’opinione pubblica, ricordando gli effetti nocivi del consumo eccessivo di sale e incoraggiando la popolazione ad apportare modifiche alle abitudini alimentari e di acquisto.

    Categoria Notizia: 

    Cuore, troppo sale fa raddoppiare il rischio di scompenso

    19/04/2018

    Per mantenere il cuore in salute bisogna consumare poco sale. Troppo farebbe raddoppiare il rischio di scompenso cardiaco.

    Consumo di sale nei bambini

    14/03/2018

    La correlazione tra assunzione elevata di sale e pressione sanguigna alta è nota da tempo negli adulti. Oggi ci sono evidenze scientifiche che un elevato consumo di sale nei bambini può influenzare la pressione sanguigna e predisporre allo sviluppo di alcune patologie quali:

    Categoria Notizia: 

    Pagine


    Questa pagina ti è stata utile?

    Perché?

    Abbonamento a RSS - Sale