Api: il rischio di mortalità indotta dai neonicotinoidi persiste nonostante la moratoria dell'UE

L'implicazione dei neonicotinoidi nel declino delle api ha portato nel 2013 a una moratoria dell'UE su tre neonicotinoidi in colture attrattive per le api. 

Tuttavia, i neonicotinoidi sono spesso rilevati nei fiori selvatici o nelle colture non trattate, il che suggerisce che i neonicotinoidi applicati ai cereali possono diffondersi nell'ambiente e danneggiare le api.

Pertanto, abbiamo quantificato i residui di neonicotinoidi nel nettare provenienti dalla colza seminata in inverno nella Francia occidentale raccolti durante i cinque anni nell'ambito della moratoria dell'UE.

Concludiamo che i residui persistenti di terreno imidacloprid si diffondono su larga scala nell'ambiente e contaminano sostanzialmente una grande coltura a fioritura di massa. Nonostante i limiti di casi studio e simulazioni del rischio, i nostri risultati forniscono ulteriore supporto alla recente estensione della moratoria a un divieto permanente in tutte le colture all'aperto. 

Data di pubblicazione: 
04/12/2019
Categoria Notizia: 



Questa pagina ti è stata utile?

Perché?