Benessere degli animali nei sistemi di produzione di uova prive di gabbie

Quando l'UE ha adottato il divieto delle gabbie di batterie convenzionali per galline ovaiole, l'industria delle uova è riuscita a contenere i cambiamenti per il settore limitando l'obbligo della legge di sostituire le gabbie con un altro tipo di gabbia, la cosiddetto Gabbia "arricchita". Il settore ha anche ottenuto un periodo di transizione della durata di 13 anni prima che il divieto entrasse effettivamente in vigore nel 2012. Le uova provenienti da sistemi in gabbia rappresentano ancora oggi più della metà della produzione dell'UE (il 53% del totale, con circa 210,5 milioni di galline), ma poiché i consumatori sono resi più consapevoli del cattivo benessere derivante da tale produzione, le uova in gabbia stanno diventando sempre più impopolari.

Grazie a campagne internazionali di successo, i principali rivenditori e le aziende alimentari globali hanno già annunciato che elimineranno gradualmente le uova in gabbia dalle loro catene di approvvigionamento entro il 2025. Inoltre, sotto la pressione delle organizzazioni di difesa degli animali diversi Stati membri e regioni dell'UE (Austria, Germania, Vallonia e Paesi Bassi), stanno muovendosi verso il divieto delle gabbie per la produzione di uova a livello nazionale. Un'iniziativa dei cittadini europei avviata di recente per vietare tutte le forme di gabbie nelle fattorie europee è in grado di formalizzare la richiesta dei cittadini di modificare la legislazione dell'UE sulle galline ovaiole a tale riguardo.

Per accompagnare i decisori politici ei produttori in questa transizione delicata, Eurogroup for Animals ha lanciato un documento di orientamento basato su dati scientifici e di prove che presenta buone pratiche di benessere degli animali nei sistemi di produzione di uova prive di gabbie.
Tali raccomandazioni includono l'importanza di fornire una scelta di ambienti, comprese piste all'aperto o verande coperte, e arricchimenti che stimolino l'espressione di comportamenti positivi e naturali e che possano aiutare a evitare le mutilazioni; buone pratiche sul disegno del posatoio e del nido che possono avere effetti molto positivi sulla salute e sul benessere delle galline ovaiole; e, non ultimo, buone pratiche di gestione che possono promuovere una migliore salute degli animali e prevenire lesioni e malattie e che sono essenziali per il benessere delle galline ovaiole per tutta la loro vita.

Data di pubblicazione: 
13/12/2018
Categoria Notizia: 
Parole Chiave: 



Questa pagina ti è stata utile?

Perché?