EFSA ed ECDC: aggiornata la valutazione riguardo al focolaio epidemico di Salmonella in alcuni prodotti a base di cioccolato

L'EFSA e l'ECDC hanno aggiornato la propria valutazione, pubblicata nell'aprile 2022, del focolaio di infezioni da Salmonella Typhimurium variante monofasica in molteplici Paesi, legato a prodotti a base di cioccolato provenienti dallo stabilimento belga di un'azienda produttrice.

Al 18 maggio 2022 i casi segnalati (tra probabili e confermati) erano 324 nell'UE/SEE e nel Regno Unito, ora in via di diminuzione. Questi sono stati notificati in dodici Paesi dell'UE/SEE (Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Spagna e Svezia), nel Regno Unito, in Svizzera, in Canada e negli Stati Uniti. Il primo paziente è stato segnalato nel Regno Unito il 7 gennaio su campione prelevato il 21 dicembre 2021.

L'8 aprile 2022 l'Ente per la sicurezza alimentare del Belgio ha fatto interrompere la produzione nell'impianto. Ritiri e richiami sono stati effettuati nei Paesi in cui venivano distribuiti i prodotti a base di cioccolato fabbricati nello stabilimento belga. In diversi Paesi le Autorità nazionali competenti hanno diramato avvisi al pubblico.

 

NEL DETTAGLIO:

Il 17 febbraio 2022, il Regno Unito ha segnalato un gruppo di casi con infezione monofasica di Salmonella Typhimurium di tipo 34. Al 18 maggio 2022 sono stati segnalati 324 casi in 12 paesi UE/SEE e nel Regno Unito, tra cui due ceppi distinti. La maggior parte dei casi ha meno di dieci anni e il 41 % di tutti i casi sono stati ricoverati in ospedale. I due ceppi sono multiresistenti e alcuni isolati testati portano anche resistenza ai disinfettanti che si basano su composti di ammonio quaternario e perossido di idrogeno, ma rimangono suscettibili a azitromicina, ciprofloxacina, meropenem e cefalosporine di terza generazione. Le indagini epidemiologiche hanno suggerito specifici prodotti di cioccolato del marchio A, prodotti dalla società A nello stabilimento di trasformazione B in Belgio, come probabili veicoli di infezione.

Due ceppi di Salmonella Typhimurium monofasico corrispondenti ai ceppi dell'epidemia sono stati identificati nella linea di latticello della pianta B tra dicembre 2021 e gennaio 2022. Il latticello è stato fornito da un fornitore italiano in cui non è stata rilevata la Salmonella. Il fornitore italiano ha consegnato il latticello ad altri stabilimenti della società A dove, sulla base delle prove disponibili, non è stata rilevata la Salmonella.

L'8 aprile 2022, sulla base di controlli ufficiali, l'autorità belga per la sicurezza alimentare ha deciso di revocare l'autorizzazione alla produzione dell'impianto B a causa della mancanza di trasparenza e di garanzie insufficienti per una produzione sicura. La società A ha richiamato a livello globale tutti i prodotti del marchio A prodotti presso lo stabilimento B. Avvertenze pubbliche sono state emesse dalle autorità nazionali competenti in diversi paesi.

Questo focolaio si è evoluto rapidamente, con i bambini più a rischio di infezione grave. La chiusura dello stabilimento B e il richiamo globale di tutti i loro prodotti hanno ridotto il rischio di esposizione. Tuttavia, otto casi non possono essere spiegati dal consumo di prodotti di cioccolato come quelli fabbricati nella pianta B, suggerendo che ci possono essere anche altre fonti di infezione.

 

RAPPORTO COMPLETO

 

 

 

 

Data di pubblicazione: 
18/05/2022
Categoria Notizia: 



Questa pagina ti è stata utile?

Perché?