Fao, lo stato di sicurezza alimentare e nutrizione nel mondo: "ci stiamo muovendo nella direzione sbagliata"

Il rapporto sullo stato della sicurezza alimentare e della nutrizione nel mondo 2021 (SOFI 2021) presenta la prima valutazione globale basata sull'evidenza dell'insicurezza alimentare cronica nell'anno in cui la pandemia di COVID-19 è emersa e si è diffusa in tutto il mondo. 

Il rapporto è presentato dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, dal Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo, dal Fondo per l'infanzia delle Nazioni Unite, dal Programma alimentare mondiale e dall'Organizzazione mondiale della sanità.

Dopo aver monitorato per cinque anni i progressi compiuti verso l'eliminazione della fame e di tutte le forme di malnutrizione ed esaminato i principali fattori alla base di tali progressi, quest'anno, Lo stato della sicurezza alimentare e della nutrizione nel mondo completa una pentalogia di edizioni che si chiude su una nota sia negativa che positiva.

La nota negativa è evidente, con meno di un decennio al 2030, non siamo sulla buona strada per porre fine alla fame e alla malnutrizione nel mondo, anzi, ci stiamo muovendo nella direzione sbagliata. L'immagine è desolante. Dopo essere rimasta praticamente invariata per cinque anni, la prevalenza della denutrizione è aumentata dall'8,4% nel 2019 a circa il 9,9% nel 2020, il che significa che tra 720 e 811 milioni di persone nel mondo hanno dovuto affrontare la fame nel 2020, ben 161 milioni di persone in più 2019. Oltre alla fame, anche le prospettive sono scoraggianti. Per la prevalenza globale dell'insicurezza alimentare moderata o grave, l'aumento stimato nel 2020 è stato pari a quello dei cinque anni precedenti messi insieme. Pertanto, quasi una persona su tre nel mondo (2,37 miliardi) non ha avuto accesso a un'alimentazione adeguata nel 2020, con un aumento di quasi 320 milioni di persone in un solo anno

Inoltre, l'obiettivo di porre fine a tutte le forme di malnutrizione rimane una sfida. Sebbene le limitazioni dei dati abbiano impedito a questo rapporto di tenere pienamente conto dell'impatto della pandemia, si stima che il 22% dei bambini nel 2020 fosse affetto da arresto della crescita, il 6,7% soffriva di deperimento e il 5,7% era in sovrappesoSi stima che il 29,9% delle donne di età compresa tra 15 e 49 anni nel 2019 in tutto il mondo sia stato colpito da anemia e l'obesità adulta è in forte aumento in tutte le regioni. L'attuale tasso di progresso globale verso gli obiettivi per questi indicatori nutrizionali è insufficiente o è addirittura in stallo o peggiora.

Su una nota più positiva, c'è una soluzione in futuro. Dato che i principali driver influiscono negativamente sulla sicurezza alimentare e sulla nutrizione attraverso i loro impatti sui sistemi alimentari, la soluzione sta nella trasformazione di questi sistemi, e in effetti c'è già uno slancio per farlo. Il mondo ha notato che i sistemi alimentari sono fondamentali per l'obiettivo di sradicare la fame e la malnutrizione in tutte le sue forme e garantire che tutti possano permettersi una dieta sana. 

A tal fine, questo rapporto ha individuato sei percorsi

  1. integrazione di politiche umanitarie, di sviluppo e di costruzione della pace nelle aree colpite da conflitti;
  2. aumentare la resilienza climatica in tutti i sistemi alimentari;
  3. rafforzare la resilienza dei più vulnerabili alle avversità economiche;
  4. intervenire lungo le filiere alimentari per abbassare il costo degli alimenti nutrienti;
  5. affrontare la povertà e le disuguaglianze strutturali, garantendo interventi a favore dei poveri e inclusivi;
  6. rafforzare gli ambienti alimentari e modificare il comportamento dei consumatori per promuovere modelli dietetici con impatti positivi sulla salute umana e sull'ambiente.

 

DOCUMENTO COMPLETO

 

 

Data di pubblicazione: 
14/07/2021
Categoria Notizia: 



Questa pagina ti è stata utile?

Perché?