Unicef Who: Progressi sull'acqua potabile delle famiglie, igiene e servizi igienici

L'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile impegna gli stati membri delle Nazioni Unite ad adottare misure coraggiose e trasformative per "spostare il mondo su un percorso sostenibile e resiliente", "realizzare i diritti umani di tutti", "porre fine alla povertà in tutte le sue forme" e assicurare " nessuno sarà lasciato alle spalle ". 

Dal 2000 miliardi di persone hanno accesso all'acqua potabile di base, ai servizi igienico-sanitari e all'igiene, ma molti paesi hanno ancora una lunga strada da percorrere per realizzare appieno l'ambizione dell'SDG di raggiungere "l'accesso universale" per tutti ". 

Il Rapporto JMP dell'OMS / UNICEF, Progressi sull'acqua potabile delle famiglie, igiene e servizi igienici valuta i progressi compiuti a livello nazionale, regionale e globale nel ridurre le disuguaglianze nei servizi WASH delle famiglie per il periodo 2000-2017 e individua le popolazioni più a rischio di essere lasciate indietro.

Alcuni dati:

  • 1 persona su 3 o 2,2 miliardi di persone in tutto il mondo non hanno acqua potabile sicura

  • oltre la metà della popolazione mondiale (ovvero 4,2 miliardi di persone) non dispongono di servizi igienici sicuri

  • 673 milioni di persone in tutto il mondo praticano ancora la defecazione aperta (nei campi)

  • 2 su 5 persone o 3 miliardi di persone in tutto il mondo non hanno agevolazioni per il lavaggio delle mani

  • molti paesi hanno aumentato la copertura di base per i servizi idrici, igienico-sanitari e igienici, ma relativamente pochi hanno ridotto il divario tra i più ricchi e i più poveri

  • vi sono anche disuguaglianze significative nei livelli di servizio tra le popolazioni urbane e rurali

Data di pubblicazione: 
17/06/2019
Categoria Notizia: 



Questa pagina ti è stata utile?

Perché?