WHO: "Piano d’azione globale sul consumo dannoso di alcol 2022-2030"

Il 20 gennaio 2023 si è conclusa la consultazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità con le associazioni professionali e il mondo accademico sull’implementazione del piano d’azione globale sull’alcol 2022-2030.

Questo Piano mira a promuovere l’attuazione della strategia globale sulle bevande alcoliche e sfruttare le evidenze disponibili, e il know-how politico, nel controllo dell’alcol e nell’affrontare i danni associati al suo consumo.

Come precedentemente segnalato, il Piano d’Azione sull’alcol 2022-2030, alla cui stesura ha contribuito dal 2019 l’Osservatorio Nazionale Alcol (ONA) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), è parte della più ampia strategia mondiale di lotta alle malattie cronico-degenerative, azione principe dell’Agenda 2030 della Nazioni Unite e degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) che prevedono la riduzione del 10% del consumo rischioso e dannoso di alcol entro il 2025.

Questa consultazione fa seguito alla stesura del nuovo piano, iniziata nel 2019, avvenuta con la partecipazione attiva di esperti a riunioni di lavoro per la discussione dei contenuti del documento e, successivamente, a consultazioni online per lo sviluppo del piano stesso e alla sua adozione, avvenuta nel maggio 2022, dalla 75a Assemblea mondiale della sanità, dettata dalla necessità di promuovere un’efficace implementazione della strategia mondiale per ridurre il consumo dannoso di alcol come priorità di salute pubblica. Gli obiettivi della consultazione sono stati quelli di informare le associazioni professionali e il mondo accademico (compresi i centri collaborativi dell’OMS) sul piano d’azione globale sull’alcol 2022-2030 e sulle azioni proposte nel piano per esplorare opportunità ed eventuali collaborazioni internazionali, discutere potenziali ruoli e attività delle associazioni professionali e del mondo accademico stesso, partecipanti alla consultazione, nell’attuazione del piano d’azione globale sull’alcol 2022-2030.

Il piano d’azione stabilisce sei aree d’azione cruciali a cui corrispondono obiettivi e indicatori specifici: per ciascuna delle sei aree, il piano propone azioni e misure da parte degli Stati membri, del segretariato dell’OMS e di altre parti interessate, quali le associazioni professionali e il mondo accademico inclusi i centri collaborativi dell’OMS e con quest’ultimi si è lavorato sulla sfida di sviluppare e implementare misure efficaci per ridurre il consumo dannoso di alcol a tutti i livelli.

Data di pubblicazione: 
26/01/2023
Categoria Notizia: 
Parole Chiave: 



Questa pagina ti è stata utile?

Perché?