Germania, benessere animale ed etichettatura

11/01/2019

Nei supermercati tedeschi Rewe Group sono comparse le prime confezioni "Respeggt". Contengono uova normali, processate però con un'innovativa tecnica che permette di individuare il sesso del pulcino nascituro fin dall'uovo. A questa rivoluzione i tedeschi, grazie a sovvenzioni ministeriali, gli studi dell'università di Lipsia e la tecnologia olandese HatchTech, sono arrivati dopo quattro anni di esperimenti. Fino ad ora negli allevamenti intensivi di galline ovaiole appena dopo la nascita i piccoli, se di sesso maschile, venivano scartati: non producono uova e non sono convenienti per l'industria agricola per ottenere carne.

Il nuovo sistema usa un marcatore chimico che a contatto con il fluido interno dell’uovo assume un colore diverso a seconda se l’embrione sia maschio o femmina. Grazie a un minuscolo foro di 0,3 millimetri praticato da un laser il fluido viene estratto con aria compressa e sottoposto al test. L’intera tecnica richiede un secondo. Le uova commercializzate a Berlino con il marchio Respeggt indicano che nell’allevamento non sono stati uccisi maschi e presto in Germania verranno diffuse sempre più uova selezionate con la tecnica Seleggt: saranno immesse sul mercato con un prezzo leggermente più alto delle precedenti. Proprio a riguardo di una etichettatura più consapevole riguardo dal benessere animale le associazioni ambientaliste Compassion in World Farming (CIWF) e Legambiente hanno chiesto in questi giorni ai ministri delle Politiche agricole Centinaio e della Salute Grillo di avviare un processo per la definizione di nuove etichette.

Categoria Notizia: 


Questa pagina ti è stata utile?

Perché?