Nutri-Score ed Etichetta a Batteria a confronto

27/01/2020

Un prodotto francese, il sistema Nutri-Score valuta il valore nutrizionale dei prodotti confezionati e li etichetta con una scala mobile. I prodotti più sani sono contrassegnati con una A verde e quelli ritenuti più malsani sono contrassegnati con una E rossa. La valutazione si basa su un algoritmo che assegna punti negativi a nutrienti come grassi saturi, calorie, zucchero e sodio e quelli positivi per la proporzione di frutta, verdura, proteine ​​e fibre nel prodotto.

Questo ridimensionamento è stato criticato per essere eccessivamente riduzionista in quanto intrinsecamente rosso bandiera alimenti come olio d'oliva, formaggio e salumi come dannosi a causa del loro contenuto di grassi. In quanto tale, Nutri-Score tende a discriminare in modo sproporzionato contro le diete pesanti di olio, pesce e frutta, come la dieta mediterranea, ampiamente considerate benefiche per il benessere.

Questo sistema è stato proposto in risposta alle carenze di Nutri-Score da parte del governo italiano. Elencando e calcolando tutti i principali nutrienti nel prodotto in percentuale dell'assunzione giornaliera raccomandata, l'etichetta a batteria è considerata più completa. Entrando nei dettagli, questo metodo fornisce una descrizione più accurata del tipo di nutrienti e della loro quantità contenuta in un prodotto.

È meno allarmante dello schema Nutri-Score poiché non riduce gli alimenti in ampie categorie verdi o rosse o buone e cattive. Di conseguenza, il sistema a batteria consente una scelta più informata, in cui i consumatori sono autorizzati a vedere il consumo di alimenti ricchi di grassi e ricchi di proteine, come ad esempio il salame, nel contesto della loro dieta generale.

Dato che le malattie legate allo stile di vita e all'alimentazione sono in aumento in tutta l'Unione europea, i consumatori devono essere istruiti in modo da poter prendere decisioni sane e sostenibili organicamente. Mentre Nutri-Score potrebbe sembrare un sistema più semplice a prima vista, a causa della sua scala di colorazione e delle lettere, la sua semplicità potrebbe ritorcersi contro ingannando i clienti nello scambio di prodotti alimentari sani con prodotti non più sani. Ad esempio, scambiando olio d'oliva per una soda senza zucchero.

Categoria Notizia: 


Questa pagina ti è stata utile?

Perché?