Antibiotico Resistenza

 

 

INDICE

Cos'è l'antibiotico resistenza?

Normativa e raccomandazioni

Linee guida e manuali

Report e Notizie

Opuscoli informativi 

Piani d'azione

 

 

COS'E' L'ANTIBIOTICO RESISTENZA?

Con antibiotico resistenza si intende l'insensibilità di un batterio ad un antimicrobico. Lo sviluppo di resistenze è un fenomeno naturale ed inevitabile. L’uso di varie classi di molecole ad azione antimicrobica ha favorito la selezione e la diffusione di popolazioni resistenti di agenti batterici.

Uso responsabile degli antibiotici

Negli ultimi decenni però, l’abuso e l’utilizzo inappropriato degli antimicrobici sia in medicina umana quanto in medicina veterinaria hanno accelerato e favorito la diffusione dell'antibiotico resistenza ed il fenomeno si è aggravato notevolmente, diventando uno dei principali problemi affrontati dalla sanità pubblica a livello internazionale. E’ quindi doveroso prestare maggiore attenzione nella scelta e nelle modalità di impiego di questi farmaci, per limitare il più possibile la comparsa di organismi resistenti.

Un problema di sanità pubblica

In Italia, le percentuali di resistenza alle principali classi di antibiotici per i principali microrganismi patogeni sotto sorveglianza sono aumentate notevolmente dal 2005 (17%) al 2015 (30%). Negli ultimi anni (2015-2019) si mantengono più alte rispetto alla media europea. talvolta in aumento rispetto agli anni precedenti. Si stima che in media muoiano ogni anno 10.780 persone in Italia a causa di infezioni causate da questi batteri resistenti (fonti: OECD. ISS).

  • La percentuale di resistenza alle cefalosporine di terza generazione in Escherichia coli si conferma stabile (intorno al 30%), mentre si osserva un trend in calo negli ultimi cinque anni (2015-2019) per i fluorochinoloni (da 44,4% nel 2015 a 40,7% nel 2019). Da segnalare una resistenza all’ampicillina nel 68% degli isolati. Dopo aver osservato un calo nel 2018 rispetto al 2017, si è osservato un nuovo aumento nel 2019 nella percentuale di isolati di Klebsiella pneumoniae resistenti ai carbapenemi, che sono passati dal 26,8% nel 2018 al 28,5% nel 2019. La resistenza ai carbapenemi si è però confermata molto bassa per E. coli (0,4%) ed è risultata in diminuzione nelle specie Pseudomonas aeruginosa (13,7%) e stabile in Acinetobacter (79,2%), rispettivamente.Per quanto riguarda i batteri multi-resistenti (resistenti ad almeno tre classi di antibiotici contemporaneamente), abbiamo: il 77,3% (in aumento) per Acinetobacter; il 36,2% degli isolati di K. Pneumoniae; l’11,7% per E. coli; il 13, 1% per P. aeruginosa.

  • Per Staphylococcus aureus, la percentuale di isolati resistenti alla meticillina (MRSA) è risultata in leggero aumento (35,6%) rispetto all’anno precedente (33,9%), mentre incrementi significativi si sono riscontrati nella percentuale di isolati di Enterococcus faecium resistenti alla vancomicina, passata dal 6% nel 2012 al 21,3% nel 2019. La tendenza in costante crescita è stata osservata anche a livello europeo.

  • Per Streptococcus pneumoniae si è osservato un lieve aumento sia per la percentuale di isolati resistenti alla penicillina (11,9%) che per quelli resistentiall’eritromicina (22,4%).
    (fonte AR-ISS Sorveglianza nazionale dell’Antibiotico-Resistenza Dati 2019)

 


       

LINK INFOGRAFICA

   

 

NORMATIVA E RACCOMANDAZIONI

  • Regolamento (UE) 2019/4 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2018, relativo alla fabbricazione, all’immissione sul mercato e all’utilizzo di mangimi medicati, che modifica il regolamento (CE) n. 183/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio e che abroga la direttiva 90/167/CEE del Consiglio. Link

  • Regolamento (UE) 2019/6 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2018, relativo ai medicinali veterinari e che abroga la direttiva 2001/82/CE. Link  

  • Decreto del Ministero della Salute del 16 ottobre 2017. Revoca delle autorizzazioni all’immissione in commercio dei medicinali per uso veterinario contenenti «ossido di zinco», da somministrare per via orale a specie da produzione alimentare. Link

  • Archivio normativa e raccomandazioni

 

LINEE GUIDA E MANUALI

  • STRUMENTI PER IL CONTROLLO UFFICIALE Link
  • LINEE GUIDA E MANUALI/ Italia

Ministero della Salute - Antibiotico-resistenza nel settore veterinario

Il Ministero della Salute ha dedicato un apposito sito al fenomeno dell’antibiotico resistenza, in tutte le sue sfaccettature. Nella sezione dedicata al settore veterinario, è possibile consultare linee guida e altro materiale di approfondimento relativo all’uso prudente degli antimicrobici.

  • LINEE GUIDA E MANUALI/ Internazionali

FAO: Uso prudente ed efficace degli antimicrobici in suini e pollame (FAO, 2019) 

L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) è fortemente impegnata nella lotta globale contro l'emergenza e la diffusione della resistenza antimicrobica. Questo manuale, frutto della collaborazione di più professionisti, promuove la prevenzione delle infezioni e l'uso prudente degli antibiotici nei comparti suino e avicolo ed è destinato a veterinari, allevatori e altri professionisti del settore.

 

REPORT E NOTIZIE

  • Antimicrobici di importanza critica in medicina 6° revisione (WHO, 2019)

Questo documento è stato pensato per le autorità di sanità pubblica e salute animale, medici e veterinari e altri portatori di interesse coinvolti nella gestione dell'antibiotico resistenza per assicurare che tutti gli soprattutto quelli di importanza critica, siano usati prudentemente sia in medicina umana che veterinaria. La principale modifica dell’ultima revisione riguarda la categorizzazione delle penicilline, che sono state suddivise in sei sottogruppi sulla base dei meccanismi di resistenza e delle possibili alternative terapeutiche; tra questi, le penicilline naturali vengono classificate come “molto importanti”, mentre aminopenicilline e penicilline potenziate rientrano già negli antibiotici di “importanza critica ad alta priorità”.

"Critically important antimicrobials for human medicine: 6th revision"

  • EMA: Categorizzazione degli antibiotici in veterinaria

Parere scientifico relativo all’impatto che l'uso degli antibiotici in veterinaria ha sulla salute pubblica e sulla salute degli animali, in risposta a una richiesta della Commissione Europea.

EMA 2019 Categorisation of antibiotics in the European Union

Infografica: Categorisation of antibiotics for use in animals for prudent and responsible use

Archivio report e notizie prima del 2020

 

OPUSCOLI INFORMATIVI E INFOGRAFICHE

 

PIANO D'AZIONE

  • Piano d'azione FAO su antibiotico resistenza 2021-2025. Link

L'obiettivo di questo piano è favorire lo sviluppo e l'attuazione di programmi d'azione nazionali multisettoriali, volti ad affrontare la resistenza antimicrobica. Il piano è stato sviluppato da un'équipe multidisciplinare della FAO per garantire che tutte le dimensioni rilevanti – tra cui la salute degli animali terrestri e acquatici, le produzioni agricole, la sicurezza degli alimenti e dei mangimi, la gestione delle risorse naturali – siano prese in considerazione.

  • Piano d'azione dell'UE "One Health" contro la resistenza antimicrobica (2017). Link

Nel giugno 2017 la Commissione europea ha adottato il piano d'azione dell'UE "One Health" contro la resistenza antimicrobica, come richiesto dai paesi dell'UE nelle conclusioni del Consiglio del 17 giugno 2016. Gli obiettivi principali del piano si basano su tre pilastri essenziali:

1) fare dell'UE una regione in cui si applicano le migliori pratiche

2) promuovere la ricerca, lo sviluppo e l'innovazione

3) definire l'agenda mondiale

Piano d'azione materiale precedente al 2017

 

 

Pubblicato 2017 — ultima modifica 28 ottobre 2022

 


    Questa pagina ti è stata utile?

    Perché?

    Abbonamento a RSS - Antibiotico Resistenza