Spreco alimentare

Nel 2015, nell'Unione europea, quasi un quarto della popolazione (119,1 milioni di persone) era a rischio di povertà o di esclusione sociale e 42,5 milioni di persone non potevano permettersi un pasto di qualità un giorno su due. Allo stesso tempo, nell'Unione Europea, venivano prodotti circa 88 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari.

 

 

Oltre a generare un rilevante impatto economico e sociale, i rifiuti alimentari esercitano una pressione indebita sulle risorse naturali limitate e sull'ambiente. Secondo l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) circa un terzo del cibo prodotto complessivamente a livello mondiale va perso o sprecato. Gli alimenti che, successivamente al raccolto, vengono persi o sprecati lungo la filiera consumano circa un quarto di tutta l'acqua impiegata dall'agricoltura ogni anno e necessitano di una superficie coltivata della grandezza della Cina. I rifiuti alimentari generano ogni anno circa l'8 % delle emissioni globali di gas a effetto serra.
Per prevenire gli sprechi si dovrebbe intervenire soprattutto alla fonte, limitando la produzione di eccedenze alimentari in ciascuna fase della filiera (produzione, trasformazione, distribuzione e consumo). In presenza di eccedenze, la migliore destinazione possibile, che garantisce il valore d'uso più elevato delle risorse alimentari idonee al consumo, è la loro ridistribuzione per l'alimentazione umana.

Fonte: Comunicazione della Commissione Orientamenti dell'UE sulle donazioni alimentari (2017/C 361/01)

APPROFONDIMENTO: Diritto & Formanzione di A&S

NOTIZIA: L'impegno dei Servizi Pubblici della Regione Emilia Romagna nella lotta allo Spreco Alimentare

FORMAZIONE: Il ruolo e la consapevolezza dei servizi pubblici nella lotta allo spreco alimentare

 

Apri le infografiche:

Prevenire e ridurre lo spreco alimentare

Ridurre lo spreco alimentare domestico 


Questa pagina ti è stata utile?

Perché?

Abbonamento a RSS - Spreco alimentare