Come il vaiolo delle scimmie potrebbe diffondersi dagli esseri umani agli animali

Mentre l'epidemia di vaiolo delle scimmie continua a diffondersi tra gli esseri umani, l'Organizzazione mondiale per la salute degli animali (WOAH, fondata come OIE) spiega le precauzioni da adottare per proteggere gli animali dall'aumento del ritorno inverso della malattia negli animali.

Il vaiolo delle scimmie ha colpito oltre 16.000 persone in almeno 75 paesi in tutto il mondo. Come molte altre malattie (il COVID-19 che ha colpito 23 diverse specie animali) il vaiolo delle scimmie potrebbe attraversare la barriera delle specie e saltare agli animali domestici e selvatici, mettendo a rischio la salute di tutti. 

Sebbene l'attuale epidemia di vaiolo delle scimmie sia causata dal contatto uomo-uomo, la malattia è nota per essere di origine animale e può quindi essere trasmessa ad alcune specie. Vari mammiferi selvatici sono stati identificati come suscettibili al virus del vaiolo delle scimmie, come scoiattoli di corda, scoiattoli arboricoli, ratti marsupi del Gambia, ghiri e primati non umani. Mentre alcune di queste specie mostrano segni e sintomi della malattia, altre potrebbero non mostrare alcun segno esterno o visibile, il che rende più difficile identificare gli eventi di spillover.

Molto recentemente, il vaiolo delle scimmie è stato rilevato in un cane molto probabilmente a causa della trasmissione da uomo ad animale a seguito di uno stretto contatto diretto con i suoi proprietari che erano sintomatici della malattia. Questo è stato il primo caso documentato di trasmissione del virus da uomo ad animale.

La trasmissione virale dall'uomo agli animali è una possibilità che bisogna indagare ulteriormente per capire quanto sia probabile che ciò accada. Tutti gli ambienti in cui interagiamo a stretto contatto con gli animali, come zoo, strutture per la riabilitazione della fauna selvatica, sentieri escursionistici oa casa con i nostri animali domestici, possono facilitare il passaggio del virus da noi a loro. Il virus del vaiolo delle scimmie può entrare nel corpo attraverso lesioni cutanee (anche quelle invisibili ad occhio nudo), vie respiratorie o membrane mucose.

Data di pubblicazione: 
15/08/2022
Categoria Notizia: 



Questa pagina ti è stata utile?

Perché?