Obbligo di indicazione dell'origine in etichetta per riso e pasta

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali comunica che scatta l'obbligo di indicazione dell'origine della materia prima in etichetta per il riso e per la pasta. Sono entrati pienamente in vigore, infatti, i decreti che consentono ai consumatori di conoscere il luogo di coltivazione del grano e del riso in modo chiaro sulle confezioni. Nel solco di quanto fatto per latte e derivati, la sperimentazione è prevista per due anni. 
Dopo quattro anni la Commissione UE ha presentato una prima bozza di regolamento attuativo della norma sull'etichettatura. Un passo avanti che va migliorato, a partire dall'indicazione obbligatoria e non facoltativa dell'origine delle materie prime. L'Italia sta lavorando ad una proposta che trovi il supporto della filiera e di altri Paesi europei a partire dalla Francia. Se non cambierà la proposta Europea, l'Italia voterà contro la bozza di questo regolamento a Bruxelles. 
Oltre l'85% degli italiani considera importante conoscere l'origine delle materie prime per questioni legate al rispetto degli standard di sicurezza alimentare, in particolare per la pasta. Sono questi i dati emersi dalla consultazione pubblica online sulla trasparenza delle informazioni in etichetta dei prodotti agroalimentari, svolta sul sito del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, a cui hanno partecipato oltre 26mila cittadini.
 

Data di pubblicazione: 
14/02/2018
Categoria Notizia: 



Questa pagina ti è stata utile?

Perché?