selvaggina

Parola chiave: selvaggina

Trichinellosi (trichiniasi, trichinosi)

Agente eziologico: Elminta, Nematode: Trichinella spiralis.

Sintomi: L'infezione può variare da asintomatica a malattia fulminante e fatale, secondo il numero di larve ingerite. I sintomi durante l'invasione iniziale sono nausea, vomito, diarrea e febbre. Nella fase di diffusione del parassita ai tessuti possono aversi manifestazioni reumatiche, ulcerazione dei muscoli ed edema delle palpebre superiori, talvolta seguiti da emorragie subcongiuntivali, sublinguali e retiniche, dolore e fotofobia. Sete, sudorazione abbondante, brividi di freddo, debolezza, prostrazione ed eosinofilia in rapida crescita possono seguire poco dopo i sintomi oculari.

Meccanismo di trasmissione e alimenti coinvolti: Ingestione di carne cruda o parzialmente cotta (suino, cavallo) contenente le larve incistate. Gli alimenti interessati sono la carne suina, la carne di cavallo, di cinghiale e la selvaggina.

Piano Specifico Controllo degli Impianti di Macellazione e dei Centri di Lavorazione della Selvaggina Riconosciuti

RER  2017 

Obiettivo generale del piano è quello di verificare il rispetto dei requisiti normativi previsti a carico dell’Operatore del Settore Alimentare. Effettuare le attività di ispezione veterinaria delle carni.

 


Questa pagina ti è stata utile?

Perché?

Abbonamento a RSS - selvaggina