Messaggio di errore

  • Deprecated function: Optional parameter $data declared before required parameter $name is implicitly treated as a required parameter in require_once() (line 342 of /var/www/alimenti-salute.it/includes/module.inc).
  • Deprecated function: Optional parameter $data declared before required parameter $name is implicitly treated as a required parameter in require_once() (line 342 of /var/www/alimenti-salute.it/includes/module.inc).
  • Deprecated function: Optional parameter $file declared before required parameter $entity_type is implicitly treated as a required parameter in require_once() (line 342 of /var/www/alimenti-salute.it/includes/module.inc).
  • Deprecated function: Optional parameter $account declared before required parameter $entity_type is implicitly treated as a required parameter in require_once() (line 342 of /var/www/alimenti-salute.it/includes/module.inc).
  • Deprecated function: Optional parameter $entity declared before required parameter $entity_type is implicitly treated as a required parameter in require_once() (line 342 of /var/www/alimenti-salute.it/includes/module.inc).
  • Deprecated function: Optional parameter $account declared before required parameter $entity_type is implicitly treated as a required parameter in require_once() (line 342 of /var/www/alimenti-salute.it/includes/module.inc).
  • Deprecated function: Optional parameter $values declared before required parameter $entity_type is implicitly treated as a required parameter in require_once() (line 342 of /var/www/alimenti-salute.it/includes/module.inc).
  • Deprecated function: Optional parameter $view_mode declared before required parameter $entity_type is implicitly treated as a required parameter in require_once() (line 342 of /var/www/alimenti-salute.it/includes/module.inc).
  • Deprecated function: Optional parameter $langcode declared before required parameter $entity_type is implicitly treated as a required parameter in require_once() (line 342 of /var/www/alimenti-salute.it/includes/module.inc).

I rischi chimici emergenti in Europa, le sostanze perfluoroalchiliche (PFAS): cosa sono e dove le troviamo

Al momento non è possibile effettuare valutazioni approfondite del rischio ambientale e sanitario di tutte le sostanze chimiche in uso in Europa a causa della grande varietà di sostanze chimiche e dei loro diversi usi. 

Le sostanze chimiche nuove continuano ad essere rilasciate nell'ambiente europeo, aumentando l'onere chimico totale per i cittadini e gli ecosistemi europei. L'identificazione precoce dei rischi emergenti è una delle attività dell'Agenzia europea dell'ambiente (AEA). 

Questo briefing riassume i rischi noti e potenziali per la salute umana e l'ambiente in Europa rappresentati da un gruppo di sostanze chimiche molto persistenti, le sostanze perfluoroalchiliche (PFAS).

  • Comprendendo più di 4 700 sostanze chimiche, le sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) sono un gruppo di sostanze chimiche artificiali ampiamente utilizzate che si accumulano nel tempo nell'uomo e nell'ambiente.
  • Le attività di monitoraggio nazionali hanno rilevato PFAS nell'ambiente in tutta Europa. La produzione e l'uso di PFAS nei prodotti ha provocato la contaminazione delle forniture di acqua potabile in diversi paesi europei. In alcune aree altamente inquinate, le concentrazioni di acido perfluoroottanoico (PFOA) e acido perfluoroottansulfonico (PFOS) nell'acqua potabile erano al di sopra del valore limite per i singoli PFAS proposti nella rifusione del 2018 della Direttiva UE sull'acqua potabile (CE, 2017).
  • Il biomonitoraggio umano ha rilevato una gamma di PFAS nel sangue dei cittadini europei. Sebbene i livelli dei PFAS, PFOA e PFOS più diffusi, studiati e regolamentati stiano diminuendo, i livelli di PFAS più "nuovi" sono in aumento. In alcune aree, le concentrazioni di PFOA e PFOS nei cittadini più esposti erano al di sopra dei livelli di riferimento proposti per gli effetti avversi nell'uomo.
  • A causa dell'elevato numero di sostanze chimiche PFAS, un approccio di valutazione e gestione del rischio sostanza per sostanza non è adeguato per prevenire efficacemente il rischio per l'ambiente e la salute umana da un singolo PFAS o loro miscele.   
  • L'adozione di misure precauzionali di gestione dei rischi per gruppi di sostanze chimiche e la promozione dell'uso di sostanze chimiche "progettate in modo sicuro e circolare" potrebbe contribuire a limitare l'inquinamento futuro.
  • Le persone maggiormente a rischio di effetti negativi sulla salute sono quelle esposte a livelli elevati di PFAS e gruppi di popolazione vulnerabili come bambini e anziani. Un numero inferiore di studi ha studiato gli effetti sul biota (Land et al., 2018). Per tutta la vita, le persone e gli animali accumulano PFAS nei loro corpi. 
  • I principali percorsi di esposizione per esposizioni umane e ambientali. Per la popolazione generale, le fonti PFAS includono acqua potabile, cibo, prodotti di consumo e polvere (EFSA, 2018). Nel cibo, le specie ittiche nella parte superiore della catena alimentare e i molluschi sono fonti significative di esposizione al PFAS. Il bestiame allevato su terreni contaminati può accumulare PFAS nelle loro carni, latte e uova (Ingelido et al., 2018; Numata et al., 2014). L'esposizione diretta può anche provenire da creme per la pelle e cosmetici (Danish EPA, 2018; Schultes et al., 2018) o via aria da spray e polvere da tessuti rivestiti in PFAS. Esistono poche conoscenze sull'assorbimento attraverso la pelle e i polmoni, che può essere gravemente influenzato da PFAS (Nørgaard et al., 2010; Sørli et al., 2020). L'esposizione dei consumatori può verificarsi anche attraverso altre vie, ad esempio prodotti per la lucidatura e la pulizia di pavimenti, legno, pietre e automobili. I gruppi che possono essere esposti ad alte concentrazioni di PFAS includono lavoratori e persone che mangiano o bevono acqua e cibi contaminati tramite materiali a contatto con alimenti trattati con PFAS (Susmann et al., 2019). 

 

Infografica: effetti del PFAS

 

Infografica: percorsi tipici di esposizione PFAS

 

 

Data di pubblicazione: 
22/01/2020
Categoria Notizia: