Studio sul futuro del bestiame dell'Unione Europea

La dimensione fisica e finanziaria della produzione di bestiame dell'UE ha conseguenze ambientali, economiche e sociali di vasta portata. 

La produzione di bestiame è una parte importante dell'economia in molte regioni, comprese alcune aree rurali marginali. 

Il settore dell'allevamento contribuisce in modo sostanziale all'economia europea. Nel 2017, il valore della produzione animale e dei prodotti animali nell'UE è stata pari a 170 miliardi di euro, pari al 40% del fatturato agricolo totale

L'UE è un esportatore netto sul mercato mondiale e il surplus commerciale internazionale di derrate zootecniche è costantemente aumentato dal 2000, raggiungendo 3,7 miliardi di euro nel 2019.

Il bestiame è presente in quasi tutte le regioni dell'Unione europea e la sua importanza sociale si estende oltre l'occupazione. Le conclusioni generali sugli allevamenti devono essere tratte con cura. Molti dei contributi dell'allevamento del bestiame dipendono dai sistemi di allevamento implementati e dai territori in cui operano. Gli impatti ambientali possono essere significativi nelle aree di agricoltura intensiva, mentre nelle zone marginali il mantenimento dell'allevamento è una sfida per la conservazione di molti ecosistemi del patrimonio di alto valore ecologico. Nei territori di agricoltura mista, i benefici ambientali dipendono dalla misura in cui colture e animali sono integrati.

Gli europei consumano grandi quantità di prodotti animali pro capite. Le proteine ​​di origine animale coprono oltre il 50% dell'apporto proteico totale delle diete europee e il consumo pro capite dell'UE è più del doppio della media mondiale, sebbene ancora inferiore a quello del Nord America.

Nel 2020 ogni europeo ha consumato annualmente 69,5 chilogrammi di carne espressi in equivalente peso al dettaglio e 236 chilogrammi di latte in litri di equivalente latte. Il maiale è stato al primo posto (31,3 kg) seguito dal pollame (25,6 kg) e dalla carne di ruminanti (10,8 per la carne bovina e 1,8 kg per la carne ovina). Il consumo pro capite di carne e latticini nell'UE è aumentato per diversi decenni prima di iniziare a diminuire negli ultimi anni. Il consumo di carne dovrebbe diminuire ulteriormente entro il 2030.

Il calo è accompagnato da uno spostamento nel paniere dei consumatori con una diminuzione del consumo di carne bovina e una continua sostituzione delle carni suine con carne di pollame. I dati medi a livello dell'UE mascherano disparità nazionali significative, sia per la carne che per il latte, in termini di consumo corrente e tendenze nel tempo. Questa eterogeneità può essere illustrata osservando che il consumo annuo pro capite varia per la carne da 34 chilogrammi in Bulgaria a 62 chilogrammi in Lussemburgo, per il latte da 115 chilogrammi a Cipro a 353 chilogrammi in Finlandia. Dal 2011 si sono verificati cali significativi nel consumo di carne in Italia (-8 kg), Germania (-10 kg) e Belgio (-26 kg) ma variazioni minori in Francia nello stesso periodo, sebbene si sia verificato un cambio di consumi dalla carne rossa alla carne di pollame. 

Sono stati compiuti progressi tecnici ed è ancora possibile compiere progressi significativi per mitigare le emissioni di gas serra (GHGs). Il potenziale di mitigazione globale può raggiungere il 50% nel 2050 rispetto al 2010 utilizzando le tecnologie attuali, ma probabilmente meno in Europa. Il metano enterico è la principale fonte di GHGs nell'allevamento dei ruminanti, ma è anche la più difficile da mitigare. Le altre fonti di emissioni sono tecnicamente più facili da controllare.

- Cambiamenti nella produzione di mangimi con l'uso di legumi. L'uso intelligente del letame (raccolta, strutture di stoccaggio, applicazione) consente di ridurre le emissioni di metano (legumi da foraggio nei pascoli, legumi da granella) che riducono l'uso di fertilizzanti azotati e migliorano la qualità del mangime possono ridurre in una certa misura le emissioni di ossido nitroso e metano.

- Una migliore gestione della mandria può ridurre le emissioni. L'età al primo parto e il tasso di sostituzione hanno mostrato il potenziale per ridurre le emissioni enteriche di metano principalmente modificando il numero di vacche da latte e di manze sostitutive nella mandria per un dato livello di produzione di latte nell'azienda agricola. La riduzione dell'età al primo parto da 36 a 24 mesi e il tasso di sostituzione dal 40 al 25% hanno il potenziale per ridurre le emissioni rispettivamente dell'8 e del 10%

Il miglioramento della salute degli animali è una questione importante per la mitigazione del metano, in particolare nei paesi in via di sviluppo, ma l'importanza di questa leva è in realtà molto poco conosciuta sebbene l'OMS abbia affermato che a livello globale, il 20% delle perdite di produttività degli animali sarebbe correlato alle malattie degli animali. La mitigazione delle emissioni di metano ruminale può essere ottenuta utilizzando additivi per mangimi. Gli acidi grassi insaturi (semi oleosi), le molecole, come i derivati ossido nitroso possono ridurre le emissioni enteriche di metano fino al 30% senza effetti negativi sulle prestazioni durante diverse lattazioni. Tuttavia, rimane la presenza di residui nel latte o nella carne una questione irrisolta a parte i prodotti a base di semi di lino che aumentano il contenuto di omega-3 nei prodotti animali e possono quindi essere considerati una strategia vincente. I composti secondari vegetali sono oggetto di numerosi studi ma con risultati non sempre convincenti. La selezione di animali a bassa emissione è un altro modo interessante a lungo termine.

- L'alimentazione di precisione ha anche un effetto di mitigazione, aumentando l'efficienza alimentare utilizzando programmi di alimentazione bilanciati personalizzati per ciascun animale (minore assunzione di mangime per prestazioni simili).

 

DOCUMENTO INTEGRALE IN INGLESE: Study on Future of EU livestock: how to contribute to a sustainable agricultural sector?

 

 

Data di pubblicazione: 
05/11/2020
Categoria Notizia: 



Questa pagina ti è stata utile?

Perché?