alcol

    WHO: "Piano d’azione globale sul consumo dannoso di alcol 2022-2030"

    26/01/2023

    Il 20 gennaio 2023 si è conclusa la consultazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità con le associazioni professionali e il mondo accademico sull’implementazione del piano d’azione globale sull’alcol 2022-2030.

    Questo Piano mira a promuovere l’attuazione della strategia globale sulle bevande alcoliche e sfruttare le evidenze disponibili, e il know-how politico, nel controllo dell’alcol e nell’affrontare i danni associati al suo consumo.

    Categoria Notizia: 

    WHO:la sesta istantanea dedicata al "marketing digitale delle bevande alcoliche"

    12/01/2023

    Pubblicata con il titolo “Digital marketing of alcoholic beverages: what has changed?” la sesta istantanea (snapshot) di politiche e pratiche sull'alcol prodotta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sintetizza il lavoro svolto nell’ambito dell’ultimo webinar del 2021 (9 dicembre 2021). e affronta il tema del marketing digitale delle bevande alcoliche.

    Categoria Notizia: 

    "Etichettatura delle bevande alcoliche" per scelte salutari e consapevoli

    12/12/2022

    È questa la quarta istantanea dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che sintetizza il lavoro svolto nell’ambito del webinar specifico che si è svolto lo scorso 7 ottobre 2021, al quale l’Istituto Superiore di Sanità ha partecipato sia allo svolgimento del webinar che alla pubblicazione dell’istantanea che ha affrontato le criticità legate all’etichettatura dei contenitori delle bevande alcoliche con avvertenze sanitarie presentando evidenze, pratiche e politiche sulla tematica specifica.

    Categoria Notizia: 

    WHO: in Europa il più alto livello di consumo di alcol al mondo

    09/12/2022

    L'Unione Europea registra il più alto livello di consumo di alcol al mondo.

    Libro Bianco "Informare, educare, curare: verso un modello partecipativo ed integrato dell'alcologia italiana”

    10/11/2022

    Dai dati epidemiologici diffusi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’alcol è considerato il quinto fattore di rischio per il carico di malattia globale.

    Nei 30 Paesi dell’Unione Europea il 5,5% di tutti i decessi sono stati causati dall’alcol, in gran parte per patologie oncologiche (29% dei decessi attribuibili all’alcol), cirrosi epatica (20%), malattie cardiovascolari (19%), incidenti stradali e atti di autolesionismo e violenza interpersonale (28%) (1-3).

    Categoria Notizia: 

    Prevenzione tumori del cavo orale: abbandonare l'alcol

    "Non esiste livello sicuro di consumo di alcol": direttore OMS

    27/09/2022

    Parlare di "consumo nocivo di alcol significa che c'è anche un consumo non nocivo", ma "non esiste livello sicuro di consumo, dobbiamo dire che anche la prima goccia aumenta i rischi" per la salute.

    Iss pubblica primo manuale per famiglie e operatori sulla "Sindrome feto alcolica"

    16/09/2022

    Informazione sugli effetti dell’alcol in gravidanza, prevenzione della disabilità e approccio di cura. Sono questi i temi trattati nel primo manuale Prendersi cura della FASD. Manuale per conoscere una sindrome quasi invisibile dedicato alla sindrome feto alcolica pubblicato dall’Istituto Superiore di Sanità in occasione della Giornata mondiale oggi 9 settembre, nata per aumentare la consapevolezza sui rischi legati all’alcol in gravidanza.

    Categoria Notizia: 

    Consumo alcol tra i giovani: il Giappone unico stato che lo incentiva!

    19/08/2022

    Mentre la maggior parte del mondo sarebbe contenta di scoprire che il livello di consumo di alcol tra i giovani è in calo rispetto al passato, il Giappone sembra andare nella direzione opposta.

    Consumo di alcol in Emilia-Romagna: dati del sistema di sorveglianza PASSI (Anni 2018-2021)

    25/07/2022

    L’indagine HBSC1 2018 indica che in Emilia-Romagna già molti minorenni hanno un rapporto alterato con l’alcol: il 2% degli undicenni, il 7% dei tredicenni e il 28% dei quindicenni ha riferito di aver bevuto tanto da ubriacarsi almeno una volta nella vita. Tra quest’ultimi circa un terzo (42% dei ragazzi e 32% delle ragazze) ha riferito un consumo eccessivo in un’unica occasione (binge drinking) e il 2% assume alcolici quotidianamente.

    Adulti (18-69 anni)

    Categoria Notizia: 

    Pagine


    Questa pagina ti è stata utile?

    Perché?

    Abbonamento a RSS - alcol